Caserta rapinatori in monopattino denunciati dai carabinieri

Caserta. Due minorenni, un albanese e un egiziano, sono...

Rapina milionaria ad un portavalori a Roma nel 2018, arrestato un 46enne di Napoli: è un altro componente della banda

SULLO STESSO ARGOMENTO

Roma. Nuovi sviluppi investigativi per la rapina milionaria al portavalori messa a segno sulla via Aurelia nel giugno del 2018.

PUBBLICITA

Un altro componente della banda, un 46enne di Napoli, già detenuto a Secondigliano è stato arrestato. Importanti novità emergono dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di via In Selci, dirette dal pm del pool della Procura di Roma – Reati contro il Patrimonio, coordinato dal Procuratore Aggiunto Lucia Lotti, scattate a seguito della rapina milionaria al portavalori della società Sipro messa a segno a giugno del 2018, nella zona di Massimina Casal Lumbroso, da un commando di quattro persone armato fino ai denti. All’epoca dei fatti, i banditi, armati di fucili automatici, assaltarono il blindato e, dopo aver immobilizzato e disarmato le guardie giurate, asportarono oltre 1.800.000 euro. I Carabinieri, a maggio dello scorso anno, chiusero la prima tranche di indagini, che portò all’arresto di due persone, tra queste, la guardia giurata che si trovava alla guida del furgone, risultato essere il basista del colpo, e alla sottoposizione dell’obbligo di presentazione alla pg di altre due persone che hanno rivestito il ruolo di riciclatori dell’ingente somma di denaro rapinata.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci hanno notificato una nuova ordinanza che dispone misure cautelari per i reati di rapina e tentata estorsione, emessa dal gip del Tribunale di Roma, nei confronti di tre persone. A finire nuovamente nel mirino degli inquirenti è stata l’ex guardia giurata infedele, oggi 42enne, che, come emerso dall’ulteriore attività investigativa condotta dai Carabinieri, nel periodo di detenzione precautelare dello stesso procedimento, con la complicità di sua sorella, ha costretto un imprenditore, poi accusato di aver riciclato parte del bottino della rapina, per cui finì in manette nella prima fase, a versare una cospicua somma di denaro (circa 150mila euro) per tenere la bocca chiusa in merito al suo pieno coinvolgimento nel colpo. Il 42enne, già detenuto nel carcere di Regina Coeli, insieme alla sorella di 47 anni, incensurata, condotta agli arresti domiciliari, sono accusati, quindi, di estorsione in concorso. Un terzo uomo, un 46enne di Napoli, attualmente detenuto nel carcere di Secondigliano per un altro procedimento, è stato, invece, riconosciuto quale appartenente al commando che entrò in azione a giugno del 2018, ed è quindi accusato di rapina aggravata.


googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE