Elezioni in Campania: per il momento l’unico candidato certo è deLuca

SULLO STESSO ARGOMENTO

Di certo c’è un solo candidato alla presidenza della Regione Campania e lo dice con chiarezza il segretario provinciale di Napoli del Partito Democratico, Marco Sarracino.

 

E se Vincenzo De Luca, in dubbio prima che si scatenasse la pandemia, esce dal limbo dal temporeggiamento di ipotetiche alleanze con il Movimento 5 Stelle attorno a un’altra candidatura, l’investitura certa fino agli inizi di marzo scorso per Stefano Caldoro, scelto da Silvio Berlusconi e “convalidato” dal consiglio nazionale di Forza Italia e al tavolo nazionale del centrodestra, sembra in bilico. Cambiano anche gli equilibri nelle alleanze, con il Pd che ragiona intorno a un’alleanza con Luigi de Magistris, ma non chiude la porta all’ipotesi di replicare sul territorio l’intesa con i 5Stelle. Di sicuro De Luca, allo stato, imbarca il sindaco di Benevento, Clemente Mastella. Sono tanti gli spunti che emergono da una videoconferenza organizzata dall’ex europarlamentare Enzo Rivellini, che su una piattaforma social chiama a raccolta esponenti di tutto l’arco costituzionale rappresentato in Campania. All’appello però non risponde Valeria Ciarambino, consigliere regionale M5S, che cinque anni fa sfido’ De Luca e Caldoro. Il tema è generico: le elezioni regionali. Scelto prima della ipotesi di una data nella metà di settembre per una due giorni di election day che porterebbe i campani a scegliere un nuovo consiglio regionale, ma anche nuovi sindaci e a esprimersi sul referendum confermativo per il taglio del numero dei parlamentari. Una data che non piace a nessuno, ma che qualcuno ob torto collo accetta pur di non sconfinare nel 2021.

“Data scomoda” la definisce il deputato leghista Gianluca Cantalamessa, che dall’abitacolo della sua auto pensa alla raccolta di firme per le liste di appoggio al candidato presidente sotto il sole rovente di Ferragosto. “Sarà complicato anche condurre la campagna elettorale – sottolinea – dovremmo poi andare a parlare alle persone mentre vivono il disagio economico e sanitario di questa emergenza”. Tutto da ripensare, come il programma pensato prima del virus “che abbiamo dovuto abbandonare completamente”, spiega Cantalamessa, che evita di ragionare su chi dovrà rappresentare il programma che si sta costruendo in questi giorni attraverso una campagna di ascolto di varie categorie sociali e produttive sempre via streaming. Il ribaltamento delle condizioni ante Covid per Caldoro imporra’ una campagna elettorale incentrata sul “rilancio post emergenza”. “Alla fine prevarranno i temi più importanti – dice – oggi l’atmosfera è legata all’emotività”. La gestione dell’emergenza con le iniziative che l’attuale governo regionale sta predisponendo saranno il cavallo di battaglia per il Partito Democratico. Lo dice apertamente il segretario provinciale di Napoli, Marco Sarracino. “Mettiamo in campo il governo di questi 5 anni – ragiona – ma soprattutto la guida di questa fase complessa, con la consapevolezza che saremo giudicati per come abbiamo gestito questa emergenza”. Una gestione che ha fatto guadagnare al centrosinistra l’appoggio del sindaco di Benevento, Clemente Mastella, iscritto a Forza Italia, con la moglie Sandra Lonardo senatrice forzista, e per nulla in imbarazzo nel dire che appoggerà De Luca, “perché dall’altra parte un candidato non c’è. E l’idea che si debba sempre attingere alla società civile con Catello Maresca va contro la mia idea sacrale che i magistrati non debbano fare politica, ma che soprattutto non tornino a fare i magistrati dopo aver fatto politica”. Lontano dallo schieramento con cui amministra Benevento, Mastella assicura che mai e poi mai sarà in un centrodestra a trazione leghista, che ha già accantonato Caldoro. “Io avevo proposto le primarie – dice – non mi hanno ascoltato”. Tenta un recupero il coordinatore di Forza Italia, Domenico De Siano. “Caldoro e’ stato indicato da Berlusconi – ricorda – dopo che al tavolo nazionale si era deciso a chi spettasse indicare il candidato presidente nelle varie regioni. In Campania decide Forza Italia. Se qualcuno mette in discussione questo, lo dica al tavolo nazionale. Se siamo coesi, portiamo a casa un candidato autorevole”.






LEGGI ANCHE

Voragine al Vomero, Fiorello sdrammatizza: “Da ‘Mare Fuori’ si è passati a ‘Terra Dentro’...

Al via una nuova puntata all’insegna del buonumore con il Mattin Show dei record. Davanti al glass del Foro Italico, il pubblico è arrivato...

Inquinavano il fiume Sarno: sequestrate due aziende a Striano e Sant’Antonio Abate

Le due società finite sotto sequestro sono la "Agriconserve Rega" di Striano e la "Bioverde" di Sant'Sntonio Abate

Amianto in Fincantieri di Castellammare: risarcimento di 140mila euro a operaio di Scafati

Risarcimento da 190mila euro per un ex operaio Fincantieri di Castellammare di Stabia Un ex operaio della Fincantieri di Castellammare di Stabia ha ottenuto...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE