Esperienza e gioventù, mix migliore non poteva esserci per il dodicesimo appuntamento di “Teatro casalingo”. Il format voluto dall’Associazione Scena Teatro, in onda attraverso i social ed il web giovedì 23 aprile alle ore 17 e condotto dal direttore artistico Antonello De Rosa e dal direttore organizzativo Pasquale Petrosino, “ospita” Imma Villa ed Emiliano De Martino. L’attrice napoletana, versatile e sensibile come poche, ha praticamente dato il via alla sua carriera a soli dodici anni. Fu il papà a chiederle di recitare una poesia durante una manifestazione che commemorava Edoardo Nicolardi.

Nel suo lungo percorso di studio ha avuto modo di confrontarsi ache con autori del calibro di Muller, Seneca, Ruccello e Moscato. Ha ricevuto il Premio della Critica nel 2014. Magistrale l’interpretazione de La Madre di Bertolt Brecht. Il tratto distintivo dei personaggi interpretati? La complessità e la profondità dei ruoli femminili portati in scena ed in cui la denucia è il simbolo distintivo. Sconfiggere la timidezza, questa la motivazione che ha invece spinto De Martino (partito da Bellizzi alla volta di Roma solo con un sogno e senza il cassetto, come da lui stesso dichiarato in passato) verso la recitazione. A 14 anni il primo impatto con il teatro e poi, scritti e diretti, gli spettacoli “Solo cento volte”, “Mamma Napoli” e “40 mq”.

LEGGI ANCHE  Imprenditoria femminile: nasce a Napoli la prima scuola di fotografia newborn
ADS

Scola, Veronesi, Pieraccioni e Verdone: alcuni dei grandi maestri con cui ha lavorato l’attore campano. Volto noto, nel ruolo del “cattivissimo” Alfonso Vitale, di “Un posto al sole” ed al fianco di un gigante come Gigi Proietti nella fiction “Una pallottola nel cuore 2”. Teatro casalingo, in onda il martedì ed il giovedì alle ore 17 su facebook, youtube e www..com, è anche brevi monologhi, video messaggi, interventi e rubriche durante l’attuale emergenza sanitaria -19.



Regina Ada Scarico, ha lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ha avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ha curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

    Coronavirus, gli scienziati confermano: ‘L’immunità di gregge è un mito’

    Notizia precedente

    Coronavirus, al Moscati di Avellino ricoverati 8 tra medici e infermieri

    Notizia Successiva

    Ti potrebbe interessare..