Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Attualità

Napoli, il grido d’allarme di un parrucchiere “Conte se non apriamo siamo spacciati”

Pubblicato

in



E’ un appello corale e di condivisione quello che arriva da Modesto Aspride titolare a Melito del salone Aspride Parrucchieri 1979. L’attività è presente in via Don Raffaele Abete da oltre 30 anni, una delle tante chiuse da Nord a Sud causa coronavirus.

Le ultime deroghe enunciate dal premier Giuseppe Conte non trovano il consenso della categoria: mancano di tutela, aiuti concreti e cosa ancor più grave secondo le direttive saranno le ultime attività il 1 Giugno se non il 3 ad aprire. Un senso d’impotenza, frustrazione che trova sfogo in questa lettera indirizzata proprio a Conte. “Egregio Presidente del Consiglio,
posso solo immaginare la quantità di difficoltà che si trova a dover affrontare in questo momento.Così come sono convinto che a sua volta saprà immaginare cosa significa per un parrucchiere o per un’estetista dover attendere OLTRE TRE MESI prima di riaprire la propria attività. Mi permetta, il mio è tutto fuorché egoismo di parte.
LA MIA È UNA SUPPLICA. Rispettosa, ferma, chiara. Soprattutto motivata. Non mi metto a discutere le origini delle sue scelte, anche se a mio avviso è evidente quanto siano illogiche, incomprensibili, inaccettabili. Il suo decreto è lì a confermare che i presupposti per riaprire prima di giugno ci sono!

Accetteremo le disposizioni, il rapporto 1:1, tutto ciò che ci chiederete di fare… ma una cosa, proprio non ce la deve chiedere, presidente.
Perché lei ci sta chiedendo di CHIUDERE. di “CHIUDERE”, non di tenere chiuso! UN’IMPRESA SU TRE non è in grado di reggere l’impatto di un altro mese senza incassi! E attenzione, deve essere chiaro:
SE LO STATO PREVEDESSE AIUTI CONCRETI, NON SAREI NEMMENO QUI A SCRIVERLE!
Ma la situazione la conosciamo, e ahimè possiamo constatarla nei giorni che seguono ai suoi messaggi.
Si rende conto che i costi continuano ad essere quasi gli stessi… e che per molte imprese 600 euro servono per coprire quelli di UN GIORNO?
Inoltre, a che serve dilazionare i costi, quando i profitti sono stati annullati?! Perché attendere giugno?
Perché?! Perché, oltre tutto, consegnare decine di migliaia di persone all’abusivismo incontrollato, che oltre a farsi beffe di lei e di chi le paga le tasse, striscia di casa in casa moltiplicando i rischi di contagio? Può davvero, Presidente, assumersi la responsabilità di far chiudere le imprese e far prosperare l’illegalità?
Le chiedo di ascoltare con attenzione diretti interessati, associazioni e parti sociali.
Le chiedo di restituire dignità ad un mestiere e a chi le chiede solo di poterlo svolgere, al più presto, nel pieno rispetto delle sue disposizioni.
Le chiedo di mostrare coscienza, senso di responsabilità, e capacità strategica.
Perché non si può distruggere in un trimestre ciò che è stato creato, spesso, con anni e anni di impegno, di passione, di dedizione.
Le chiedo di estinguere quel senso di impotenza che ci soffoca e che può provocare danni incalcolabili, se non irreversibili, alle persone come alla società.
Serve coraggio.
Serve che lei faccia riaprire prima di giugno.
Serve ridare speranza, forza, cuore, a chi merita un suo segnale concreto!

SERVE RIAPRIRE.
Nel rispetto delle regole e delle persone che certamente le sapranno rispettare.

Serve generare fiducia, prima che venga smarrita per sempre…
Con tutti i rischi che ciò potrebbe comportare e che si spinge ben oltre il coronavirus.

Confido nella sua capacità di comprendere, di riflettere, di agire.

Modesto Aspride

servizio a cura di Natasha Macri

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

SICUREZZA Anche la Polizia penitenziaria potrà fare multe stradali

Pubblicato

in

Raggiunto l’accordo con Poste Italiane per accedere al servizio integrato delle notifiche dei verbali per le violazioni al Codice della strada.

La Polizia penitenziaria ha firmato un accordo con Poste Italiane che le consentirà di accedere al servizio integrato delle notifiche.Ciò significa che potrà inviare i verbali per le violazioni al Codice della strada.; infatti già da anni aveva la possibiltà di fare contravvenzioni  ma finora mancava lo strumento per gestire la spedizione e la conservazione degli atti.

L’accordo con Poste Italiane prevede che  la Polizia Penitenziaria potrà utilizzare la piattaforma gestionale (denominata “Sin atti”) che offre la possibilità di gestire tutte le comunicazioni da spedire ai trasgressori, compresi gli incassi delle somme pagate.

Infine tramite il suo servizio di Polizia stradale già istituito e attivo potrà accedere alle banche dati per identificare i proprietari dei veicoli e gli autori delle violazioni, eseguire la decurtazione dei punti della patente e conservare, per il periodo previsto di 5 anni, le cartoline degli avvisi di ricevimento che provano le avvenute notifiche dei verbali.

FONTE

Continua a leggere



Coronavirus

Coronavirus, nuovo aumento del contagio in Italia: oggi 1786 e 23 morti

Pubblicato

in

coronavirus italia

Aumenta il numero di nuovi contagi da coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati registrati 1.786 nuovi casi contro i 1.640 di ieri.

 

In aumento anche i tamponi che sono passati dai 103.696 di ieri ai 108.019 di oggi. I morti sono 23, con il totale delle vittime da inizio emergenza che arriva quindi a 35.781. Dal bollettino quotidiano del ministero della Salute si apprende inoltre che il totale dei dimessi/guariti e’ pari a 221.762 (+1.097), mentre il totale degli attualmente positivi sale a 46.780 (+666). Al momento sono 2.731 i ricoverati con sintomi, 73 in piu’ rispetto a ieri, mentre in terapia intensiva si trovano 246 persone con un incremento di 2 unita’.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Coronavirus, in Campania 195 nuovi positivi e 105 guariti oggi in Campania

Milan, Ibrahimovic positivo al coronavirus

Sono poi 43.803 i positivi che si trovano in isolamento domiciliare. Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, le regioni dove e’ stato registrato il maggior numero di nuovi casi sono il Veneto (248), il Lazio (230), la Lombardia (229), la Campania (195), la Toscana (156), la Sicilia (125), il Piemonte 104, la Liguria (102). Nessuna regione e’ a contagi zero. La Valle d’Aosta fa registrare tre casi, il Molise quattro.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette