Coronavirus, Caso (M5S): “De Luca ritiri il divieto di consegna delle pizze a domicilio”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Il divieto della consegna a domicilio, voluto dal Governatore De Luca, danneggia i piccoli artigiani del “food” campano ed in particolare le pizzerie della regione, spesso a conduzione familiare, che, potrebbero lavorare in sicurezza, continuando a rimanere chiuse al pubblico e purché si servano di fattorini, muniti di mascherine protettive e guanti” lo dichiara Andrea Caso, Portavoce alla Camera del MoVimento 5 Stelle, membro delle Commissioni Finanze ed Antimafia, che ha scritto oggi una lettera al Presidente della Regione Campania De Luca, invitandolo a ritirare l’ordinanza di divieto in Campania.  “Prevedere i dovuti controlli e sanzioni salate per i trasgressori – aggiunge Caso – ma consentire alle pizzerie di proseguire la propria attività così come a laboratori o piccole imprese dedite alla lavorazione di prodotti pasquali. Non ha senso proibire una storica attività, che, se svolta, con tutti i parametri di tutela per la propria e l’altrui salute, allieterebbe lo stare in questo momento a casa, da parte dei cittadini. Bisogna riconoscere che on line si può ordinare di tutto, occorre solo fissare l’obbligo per i titolari delle pizzerie di predisporre consegne con personale adeguatamente protetto e nel rispetto delle distanze di sicurezza, così come già avviene, ogni giorno, dall’inizio dell’emergenza, per le consegne a domicilio effettuate dai corrieri per conto di Amazon o di tante altre grandi realtà industriali”. “Per il timore di contagi finiamo per favorire un commercio altamente competitivo con quello locale che risulta assai più genuino e di lunga tradizione” conclude Caso.







LEGGI ANCHE

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE