Coronavirus: appello per la riapertura dell’ospedale Maresca di Torre del Greco

SULLO STESSO ARGOMENTO

La riattivazione dell’ospedale “Maresca” di Torre del Greco (NAPOLI), per fronteggiare l’emergenza causata dal Covid-19, e’ stata chiesta con una ‘lettera appello’ al presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, al ministro della Salute, Roberto Speranza, nonche’ al presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, e al Capo della Protezione civile, Angelo Borrelli.

“Considerata l’obiettiva carenza di strutture sanitarie e valutata la gravissima emergenza sanitaria in atto – scrive nella missiva Antonio Borriello – a mio modesto avviso va valorizzato e riattivato con urgenza il glorioso nosocomio di Torre del Greco, al fine di prevenire e fronteggiare le possibili emergenze a favore di una altissima utenza che coinvolge diversi Comuni dell’area vesuviana e oltre”. Nella lettera viene, inoltre, evidenziato che l’ospedale torrese “e’ molto grande, in buone condizioni, di facile raggiungibilita'” oltre ad avere un vasto parcheggio e persino un eliporto.






LEGGI ANCHE

Pietramelara, urta scooter e causa lesioni al conducente: 57enne denunciato

Durante la serata del 19 febbraio, un 57enne di Pietramelara (Caserta) è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali stradali in seguito all'urto laterale...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

‘Babas, memorie di un cane rosso’, Stella Cervasio presenta il suo ultimo libro al Vomero

Una donna e un incrocio di molosso sono i protagonisti di una storia speciale di amicizia, basata su rispetto e protezione. Il libro "Babas, Memorie...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE