Arzano, libero il boss Cristiano: tensioni all’interno del clan della 167. Visite di familiari e ‘amici’ n...

SULLO STESSO ARGOMENTO

Arzano. Libero il boss Cristiano: Tensioni all’interno del clan della 167. Visite di familiari e “amici” nonostante il Coronavirus. Saranno pure cambiati gli equilibri all’interno del clan ma la caratura criminale di Pasquale Cristiano non si mette in discussione. E la scarcerazione potrebbe mutare le carte in tavola. Infatti il ras è stato per lungo tempo (prima dell’arresto e della detenzione) uno dei colonnelli in auge della cosca degli Amato-Pagano, alle strette dipendenze dei capi. In poche parole era considerato uno dei più in alto in grado (insieme a Renato Napoleone e Paolo Francesco Russo) nella scala gerarchica dell’organizzazione rispetto agli esponenti del direttorio. Per cui è altamente improbabile che Cristiano accetti di porsi agli ordini dei reggenti facente capo al ras Giuseppe Monfregolo che a loro volta sarebbero passati alle “dipendenze” della emergente cosca di Secondigliano definita “a’ chiesa nova”.

La cosa certa è che il ritorno in libertà di Pasquale Cristiano non rafforza il sodalizio di via Colombo dopo le recenti operazioni dei Carabinieri. Il clan infatti è stato indebolito dall’arresto di numerosi affiliati e dal sequestro di droga e contanti, e stava provando a rialzarsi anche mantenendo un profilo basso per non attirare indagini della magistratura. La scarcerazione di Cristiano potrebbe però modificare gli scenari, anche alla luce della situazione in cui versano le altre compagini criminali che operano nella zona, non escludendo scontri interni per la possibile mancata corresponsione delle cosiddette “mesate” proprio ai Cristiano. (g.s.)






LEGGI ANCHE

Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Voragine al Vomero: aperta un’inchiesta

Sarà l'inchiesta della magistratura ad eccertare le cause ed eventuali responsabilità sulla voragine che questa mattina, in via Morghen al Vomero, si è aperta...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE