Seguici sui Social

Pubblicità

Coronavirus

Scampia, il Comitato Vele: “Ora il reddito di quarantena, dopo l’epidemia vogliamo il lavoro”

Pubblicato

in



Napoli. “Questa mattina abbiamo affisso questo striscione per affermare con forza che per i disoccupati, i precari e i lavoratori di Scampia non basta il contributo di un pacco alimentare, che pur con grandi sforzi e generosità tanti volontari del quartiere stanno provando a recapitare in questi giorni. Quello che serve è un reddito di quarantena universale oggi e un lavoro utile e dignitoso non appena questa quarantena forzata sarà conclusa”. E’ quanto scrive il Comitato Vele sul proprio profilo Facebook, con la foto dello striscione appeso ad una delle Vele di Scampia, il popoloso quartiere di Napoli.

Pubblicità

“Non permetteremo mai che le istituzioni e chi dirige oggi il paese possano nascondere le proprie responsabilità dietro la solidarietà di chi oggi si sta mobilitando per provare a far fronte all’emergenza. Sono anni che i partiti al governo e lo Stato vanno avanti con politiche di tagli e di impoverimento della produzione, che non hanno fatto altro che distruggere i posti di lavoro e la dignità di chi per vivere deve lavorare”. Poi i disoccupati di Scampia chiedono “subito una presa di posizione netta a tutti i livelli e chiamiamo tutti a mobilitarsi e a non farsi intimidire dallo stato di polizia dietro cui il governo Conte cerca di nascondere le responsabilità proprie e dei governi che l’hanno preceduto. Se si rompe il patto di stabilità non bisogna farlo per ingrassare i soliti noti con i fondi pubblici, bisogna romperlo per creare nuovi posti di lavoro per tutte quelle opere necessarie a rimettere in piedi il paese in cui alla crisi economica si è aggiunta la crisi sanitaria. Non vogliamo elemosine, vogliamo futuro! Reddito di quarantena e lavoro utile e dignitoso per tutte e per tutti! Ce li prenderemo con la lotta, non un passo indietro!”

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Coronavirus, solo 6 casi in Campania su 3360 tamponi

Pubblicato

in



Sono 6 i nuovi casi di coronavirus emersi oggi in Campania dall’analisi di 3.360 tamponi. Il totale dei casi di coronavirus registrati in Campania dall’inizio dell’emergenza sale a 4.755, mentre sono 175.466 i tamponi complessivamente analizzati.

 

I 6 tamponi positivi sono stati analizzati all’ospedale Cotugno di Napoli (1), all’ospedale San Paolo di Napoli (1), all’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno (1), all’ospedale di Eboli (1) e all’ospedale Moscati di Avellino (2).

Continua a leggere

Campania

Coronavirus, una sola vittima e nove guariti nelle ultime 24 ore in Campania

Pubblicato

in



Una sola vittima e nove guariti nella giornata di ieri in Campania. E’ quanto fa sapere il bollettino dettagliato della Campania con dati relativi alle ore 23.59. Su un totale di di 172.106 tamponi effettuati il totale dei positivi sale a 4.749: di questi, 405 sono deceduti e 3.076 sono guariti, 2.904 totalmente guariti e 172 clinicamente guariti.
Questo il riparto per provincia dei 4.749 casi positivi registrati in Campania dall’inizio dell’emergenza Covid-19: in provincia di Napoli 2.589 (+4) di cui 981 (+2) a Napoli città e 1.608 (+2) nel resto della provincia; in provincia di Salerno 679 (+2); in provincia di Avellino 537 (nessun nuovo caso); in provincia di Caserta 453 (nessun nuovo caso); in provincia di Benevento 204 (nessun nuovo caso). Sono 287 gli altri casi in fase di verifica da parte delle Asl.

Continua a leggere

Coronavirus

Coronavirus, 531 nuovi casi e 50 decessi in Italia, ma la Lombardia non fornisce i dati

Pubblicato

in

morti da coronavirus ad Avellino


Il totale delle persone che hanno contratto il coronavirus in Italia è di 229.858, con un incremento rispetto a ieri di 531 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 56.594, con una decrescita di 1.158 assistiti rispetto a ieri.

 

Lo spiega la Protezione Civile che ha diffuso i numeri di oggi dell’emergenza Coronavirus, precisando che la Regione Lombardia non ha aggiornato i dati relativi ai decessi. Tra gli attualmente positivi, 553 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 19 pazienti rispetto a ieri. 8.613 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 82 pazienti rispetto a ieri. 47.428 persone, pari all’84% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 50 e portano il totale a 32.785. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 140.479, con un incremento di 1.639 persone rispetto a ieri.

 

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 25.614 in Lombardia, 7.703 in Piemonte, 4.457 in Emilia-Romagna, 2.660 in Veneto, 1.700 in Toscana, 1.624 in Liguria, 3.569 nel Lazio, 1.692 nelle Marche, 1.268 in Campania, 1.793 in Puglia, 535 nella Provincia autonoma di Trento, 1.453 in Sicilia, 412 in Friuli Venezia Giulia, 1.092 in Abruzzo, 195 nella Provincia autonoma di Bolzano, 53 in Umbria, 245 in Sardegna, 32 in Valle d’Aosta, 275 in Calabria, 183 in Molise e 39 in Basilicata.

Continua a leggere