Coronavirus, Anip-Confindustria: ‘Bene accordo tra parti sociali’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Siamo a disposizione dell’Italia in questa lunga emergenza” Roma, 14 mar. (askanews) – “Il `Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro’ rappresenta un’importante forma di tutela per tutti i lavoratori nonché un deciso passo in avanti per il riconoscimento dell’importanza di tutto il comparto dei Servizi. Governo e parti sociali hanno compreso come siano centrali le operazioni di sanificazione e pulizia che tutte le aziende devono assicurare nei luoghi di lavoro, ancor più oggi con l’emergenza coronavirus.

Il Paese oggi ha ben presente il tema della salubrità e dell’igiene, anche grazie alla mobilitazione delle imprese dei Servizi che – da tempi non sospetti – chiedono più tutela e salvaguardia, prestando già il proprio know how negli ambienti ad alto rischio infettivo. Siamo a disposizione dell’Italia in questa lunga emergenza: invitiamo tutti a rispettare i protocolli e ad evitare estemporanei `fai da te’, perchè potrebbero essere letali”. Lo dichiara in una nota Lorenzo Mattioli, presidente di ANIP-Confindustria, Associazione Nazionale imprese di Pulizia e Servizi integrati di Confindustria. Cro 141658 MAR 20






LEGGI ANCHE

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE