Coronavirus a Napoli, il cardinale Sepe: ‘A Pasqua niente palme né acqua santa

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Come Pastori, membri della Chiesa italiana e cittadini di questo Paese, siamo tenuti a rispettare le disposizioni delle Istituzioni pubbliche”. Lo dice il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di NAPOLI. “In questo tempo di grande angoscia per la gravita’ della tragica epidemia che travolge tanta parte del territorio nazionale – afferma – dobbiamo essere di esempio e abbiamo anche il dovere di orientare, informare, formare e guidare il popolo di Dio”. Il ribadisce che “valgono le indicazioni che ho ritenuto doveroso fornire a Parroci, Presbiteri, Religiosi, Religiose, Diaconi, Seminaristi, Associazioni e Movimenti ecclesiali di questa Arcidiocesi”. “Ora, come sempre, siamo tenuti a dare testimonianza di una Chiesa che vive e opera in comunione, a servizio del popolo di Dio e pe il bene comune – sottolinea – Nessuno, pertanto, deve sentirsi solo e neppure deve agire in autonomia, ma deve attenersi, in coscienza, alle disposizioni comportamentali che come Vescovo ho dovuto impartire nel pieno rispetto delle norme, nazionali e regionali, introdotte per combattere il terribile ‘coronavirus’, a tutela della salute e della vita di ciascuno e di tutti”.

L’arcivescovo ribadisce “con fermezza che non si esce di casa se non per i motivi fissati dalle Autorita’ civili (lavoro, salute, necessita’); non sono consentite tutte le cerimonie religiose; le Chiese restano aperte ogni giorno, soltanto per alcune ore del mattino e unicamente per consentire a qualche fedele di confessarsi o di confidare una sua pena al parroco o per una breve preghiera individuale; comunque nel rispetto assoluto della distanza di almeno un metro tra persone e in numero assolutamente ridotto in maniera da non creare assembramento”. E ancora: “Al sacerdote e’ consentita la celebrazione della messa rigorosamente in privato, senza l’assistenza di alcuno e senza dare l’Eucaristia neppure al diacono se presente” e “non e’ necessario procedere alla esposizione del Santissimo Sacramento o alla benedizione”. “Poste queste premesse, nella Settimana Santa, a partire dalla Domenica delle Palme – prosegue – tutti si uniformeranno, in comunione, alle celebrazioni fatte a porte chiuse nella Chiesa Cattedrale e trasmesse, generosamente, in diretta televisiva dall’emittente Canale 21”. “E’ evidente che e’ vietato assolutamente distribuire palme e acqua santa – aggiunge – A Pasqua il capo famiglia guidera’ la preghiera e benedira’ con il segno della croce”. “Sembra superfluo far presente che se vi saranno diversi orientamenti della Conferenza Episcopale Italiana – conclude – se ne prendera’ atto e non manchero’ di dare a tutti tempestive istruzioni”. “E’ evidente che e’ vietato assolutamente distribuire palme e acqua santa – aggiunge – A Pasqua il capo famiglia guidera’ la preghiera e benedira’ con il segno della croce”. “Sembra superfluo far presente che se vi saranno diversi orientamenti della Conferenza Episcopale Italiana – conclude – se ne prendera’ atto e non manchero’ di dare a tutti tempestive istruzioni”.






LEGGI ANCHE

Napoli, furti in serie in abitazioni e cantieri: quattro misure cautelari

Quattro uomini sono stati raggiunti dalle misure emesse dal gip del tribunale di Napoli Nord per reati di furto aggravato, ricettazione e resistenza a...

Protesta dei dipendenti del Castello delle Cerimonie. Il sindaco: “Salvaguardare i lavoratori”

I lavoratori del Grand Hotel La Sonrisa, conosciuto come il Castello delle Cerimonie, hanno marciato in corteo per protestare contro la confisca dell'albergo. Il sindaco...

Doppio appuntamento nel Napoletano con le presentazioni del libro ‘Napoli Campo Centrale’

Doppio appuntamento nel Nord di Napoli per le presentazioni del libro "Napoli Campo Centrale", focalizzato sul terzo scudetto della squadra azzurra. L'autore, il giornalista...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE