È forse uno dei ruoli più strategici all’interno di un’azienda, poiché è colui che cerca, individua e seleziona il personale talentuoso da inserire nell’operativo aziendale. Si tratta del responsabile delle risorse umane, una figura oggi fondamentale per qualsiasia azienda, specialmente in un momento di grande cambiamento come quello che stiamo attraversando. In un contesto economico e sociale in continua evoluzione come quello attuale, il responsabile HR svolge diversi ruoli, tutti essenziali:

  • recrutare personale qualificato che possa inserirsi nei vari comparti di cui è composta l’azienda facendo la differenza;
  • individuare e selezionare risorse in gamba e metterne in luce i talenti;
  • recrutare personale con attitudini e formazione specifiche da inserire all’interno dell’area aziendale più adatta;
  • gestire i rapporti con il personale puntando ad adottare politiche retributive che favoriscano la meritocrazia.

Quello dell’addetto alle risorse umane è sicuramente un mestiere molto complesso e non adatto a tutti. Anche per questo, scegliere di intraprendere questo genere di carriera può rivelarsi vantaggioso sia sul fronte economico sia in termini di traguardi professionali. Oltre a quelle sopraelencate, le mansioni del responsabile HR possono diversificarsi anche a seconda di come è strutturata l’azienda per cui lavora.

Se un’azienda è ben strutturata, l’addetto HR svolge anche:

All’interno di una grande azienda, l’addetto alle risorse umane può svolgere una miriade di ruoli, tra cui:

  1. coordinare l’inserimento delle persone nell’azienda, destinandole nell’area specifica più adatta alle loro precise competenze;
  2. affiancare i responsabili della formazione del personale, un’attività importante poiché finalizzata a scegliere i contenuti e le metodologie di formazione aziendale migliori per stabilire la soglia fino alla quale si può innalzare il livello di professionalità dell’azienda;
  3. affiancare il responsabile dell’organizzazione e della gestione dei piani di incentivo per il personale;
  4. gestire le relazioni industriali redigendo contratti di lavoro, oppure affiancando chi è preposto a farlo;
  5. gestire eventuali provvedimenti disciplinari verso il personale, supervisionare le lamentele e le eventuali denunce del personale nei confronti dell’azienda, formulare il regolamento aziendale e controllarne il rispetto da parte del personale.

Nelle realtà aziendali più piccole, il responsabile delle risorse umane può essere affiancato da consulenti esterni in materia di reclutamento della forza lavoro da destinare alle diverse aree aziendali, verificando la messa in risalto delle capacità più spiccate di ogni risorsa.

Ma qual è il percorso formativo per poter rivestire un ruolo di spicco nel complesso settore della gestione delle risorse umane?

Responsabile delle risorse umane: la formazione

Per lavorare nell’ambito delle risorse umane si possono intraprendere varie strade, cercando il giusto mix tra competenze di business, cultura generale e attitudini umanistiche. Il ventaglio delle possibilità è piuttosto ampio, si può scegliere in base alle propensioni personali, alle preferenze, ma, solitamente, chi svolge questo ruolo nelle sue varie declinazioni è in possesso di una laurea, meglio se specialistica, in ambito psicologico, umanistico o economico.

I corsi post universitari costituiscono un ottimo percorso di perfezionamento: i master in risorse umane proposti dalle Business School offrono una formazione di taglio trasversale che la didattica universitaria non fornisce. Si tratta, infatti, di acquisire le capacità pratiche, operative, che andranno a integrare la formazione teorica universitaria, rendendo possibile una immediata immissione in ruolo.

Le caratteristiche personali dell’addetto alle risorse umane

Quello che non può di certo mancare è la passione per le persone. Serve una grande passione per riuscire cogliere i talenti e le abilità degli altri mettendoli in risalto. La bravura nel coordinare le attività utili a far sì che i talenti emergano, non può prescindere da caratteristiche come l’empatia, il discernimento e dalla capacità di gestire i rapporti interpersonali. Infine, essere portavoci dei requisiti richiesti come resilienza, coraggio e ambizione è fondamentale per fare bene questo mestiere.

Gli sbocchi professionali

Le possibilità di carriera nell’ambito delle risorse umane sono molteplici, sia in ambito privato sia pubblico, la domanda di specialisti in Human Resources è in crescita e le possibilità di trovare un impiego praticamente assicurate. Non si tratta solamente di trovare, come professione, quella per cui si pensa di dover essere assunti, poiché il settore è talmente vario da poter offrire infinite possibilità di collocazione, ad esempio come consulente presso più aziende. Ciò non toglie la possibilità di ambire anche ai livelli più alti, rivestendo posizioni di prestigio come quella del responsabile delle risorse umane.