Mario Cattaneo, l’oste di Casaletto Lodigiano dal cui fucile, il 10 marzo 2017, partì una rosa di pallini che uccise Petre Ungureanu, che con complici si era introdotto nel suo locale per rubare, è stato assolto dal tribunale di Lodi dall’accusa di eccesso colposo di legittima difesa. Il pm, nella requisitoria di stamattina, aveva chiesto una condanna a tre anni di reclusione. Cattaneo, dopo la pronuncia dell’assoluzione, è rimasto per diversi minuti seduto sulla sua sedia.

Melito, arrestato usuraio vicino al clan Amato-Pagano minacciava da anni titolare di un distributore di benzina

Notizia Precedente

Dramma familiare in Germania, sparatoria con sei morti

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..