La vedova di Anastasi: ‘Pietro ha deciso di non svegliarsi più’

Pietro Anastasi voleva andare in Svizzera come Dj Fabo, porre fine alle sue sofferenze con il suicidio assistito: “Me lo chiedeva quando era già malato, ma non sapeva ancora di avere la Sla”. Lo dice, in un’intervista a Il Messaggero, Anna Bianchi, la vedova dell’ex centravanti, morto a 71 anni in un hospice di Varese […]

google news

Pietro Anastasi voleva andare in Svizzera come Dj Fabo, porre fine alle sue sofferenze con il suicidio assistito: “Me lo chiedeva quando era già malato, ma non sapeva ancora di avere la Sla”. Lo dice, in un’intervista a Il Messaggero, Anna Bianchi, la vedova dell’ex centravanti, morto a 71 anni in un hospice di Varese dove si è fatto addormentare. Cinquant’anni di matrimonio e “insieme da 53”, due figli, Anna Bianchi ricorda che tutto è cominciato tre anni fa quando si è scoperto che l’ex calciatore “aveva un tumore all’intestino e la Sla. E’ stato operato subito per il tumore e sottoposto alla chemioterapia, riuscendo a sconfiggerlo”. All’inizio la moglie ha deciso di non dire al marito della Sla, d’accordo con i figli. Ma quando per lui qualsiasi minimo gesto quotidiano si stava trasformando in un’impresa insormontabile, un giorno, tre mesi fa, “l’ho guardato negli occhi e gli ho detto: Sai cos’hai?. E lui mi ha risposto: Sì, ho la Sla. Ed è rimasto a lungo in silenzio”. Sono subentrate le cure palliative, Anastasi ha resistito fino a che ha potuto, poi la scorsa settimana ha chiesto alla moglie di accompagnarlo nel ricovero in una struttura, “così mercoledì siamo entrati in questo hospice a Varese”. L’ex calciatore “aveva rinunciato all’accanimento terapeutico, scrivendo su un foglio che rifiutava di essere rianimato. Ha anche rifiutato la tracheotomia alla quale gli avevano consigliato di sottoporsi. Quindi è arrivata una dottoressa, una persona davvero splendida, ha parlato con mio marito e gli ha prospettato la sedazione con una puntura. Si sarebbe addormentato e non si sarebbe mai più svegliato. E’ andata proprio cosi’ ed e’ avvenuto tutto molto rapidamente”. Con lui “c’eravamo io e mio figlio. Mi faccio sedare, ci ha comunicato. ‘No, aspetta’, l’ho pregato. Ma aveva deciso”. Questa e’ una cosa che si fa solo “se ci si ama e prima di morire mio marito mi ha detto delle parole bellissime” conclude. 

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Detenuto psichiatrico aggredisce Garante durante una visita

E' accaduto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: aggredito il garante nazionale Mauro Palma

Nola, ruba al centro commerciale Vulcano Buono: denunciato

Protagonista un 32enne romeno, bloccato da una guardia giurata e denunciato per furto aggravato

Qual è il miglior olio extravergine di oliva?

L’Italia è la patria della cucina e dei prodotti di qualità. Una terra in grado di generare bontà di ogni tipo, uniche nel loro...

Torre del Greco, spacciavano ai domiciliari: arrestati coniugi

A Torre del Greco i carabinieri perquisiscono casa e trovano droga e soldi. In manette Giuseppe Terrone e Maria Anna Farese

IN PRIMO PIANO

Pubblicita