Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca Napoli

L’ allarme dell’Osapp,: ‘Il carcere di Poggioreale invaso da microtelefonini’

Pubblicato

in



“Stanotte al reparto SAI San Paolo del carcere di Poggioreale, grazie al personale di Polizia Penitenziaria di turno e’ stato ritrovato ancora un microtelefonino che un detenuto invano tentava di occultare in bagno dietro al bidet. Purtroppo dall’inizio dell’anno vi e’ una media di circa 2 telefonini al giorno ritrovati, come ieri in seguito ad una perquisizione straordinaria al reparto Salerno ritrovati altri 2 microtelefonini”. L’Osapp, organizzazione sindacale autonoma Polizia Penitenziaria maggiormente rappresentativa del Corpo, denuncia la complessita’ del fenomeno: “oramai e’ business che frutta migliaia e migliaia d’euro per la criminalita’ che, senza remore e con ogni mezzo e stratagemma cerca di introdurre agli interni dei penitenziari cio’ che non e’ consentito e che illecitamente fa lucro.Microtelefonini delle dimensioni di un accendino venduti in molti negozi cinesi per poche decine d’euro.Per il segretario generale Osapp Leo Beneduci: il fenomeno sta diventando una vera e propria piaga per l’Amministrazione Penitenziaria mettendo a dura prova il sistema penitenziario sprovvisto di norme idonee e deterrenti per i ristretti di vario spessore criminale”. Per il segretario regionale Campania Osapp Vincenzo Palmieri : il fenomeno sta creando grosse difficolta’ operative al Corpo di Polizia Penitenziaria in Campania e non solo, e permette alla criminalita’ di mantenere quel cordone ombelicale con l’esterno, mettendo in discussione la: sicurezza di tutti. Per il segretario Provinciale Osapp NAPOLI Castaldo Luigi : il fenomeno dell’invasione massiccia di questi microtelefonini e’ da prendere in seria e degna considerazione da parte del Governo, con interventi e leggi mirate, affinche’ sia riportato l’ordine e la sicurezza all’interno degli istituti penitenziari. “In tutto cio’ va il plauso al personale di Polizia Penitenziaria che ogni giorno svolge con deontologia e alto senso del dovere i propri compiti istituzionali anche se non dotato delle sufficienti risorse umane e strumentali a far fronte ai molteplici eventi critici che il Corpo di Polizia Penitenziaria affronta con Onore e Dignita’”.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Giudiziaria

Tifoso dell’Inter ucciso, il pm chiede il processo per omicidio volontario per l’Ultrà del Napoli

Pubblicato

in

ultrà napoli

Tifoso dell’Inter ucciso, il pm chiede il processo per omicidio volontario per l’Ultrà del Napoli.

 

La Procura di Milano ha chiesto il processo con l’accusa di omicidio volontario nei confronti di Fabio Manduca, l’ultra’ napoletano di 40 anni arrestato il 18 ottobre del 2019 per aver travolto e ucciso col suo suv Daniele Belardinelli, ultra’ del Varese, all’inizio degli scontri del 26 dicembre 2018 in via Novara, nel capoluogo lombardo, prima di Inter-Napoli. Il procuratore aggiunto Letizia Mannella e i pm Michela Bordieri e Rosaria Stagnaro hanno confermato nell’istanza di rinvio a giudizio l’accusa di omicidio volontario per la quale Manduca era stato arrestato su ordinanza del gip Guido Salvini.

Accusa rafforzata sia da una decisione del Tribunale del Riesame che da un’importante consulenza tecnica firmata da diversi esperti, tra cui la nota anatomopatologa Cristina Cattaneo. Dalle 126 pagine della relazione emerge che, grazie al recupero di alcuni pezzi di vetro che erano nel giubbotto della vittima, si e’ potuto stabilire che Belardinelli, che aveva assunto cocaina, nella prima fase della ‘guerriglia’ ha colpito il finestrino di un Ford Transit, guidato da alcuni ultra’ napoletani, con un bastone o qualcosa di simile e nel fare questo e’ caduto per terra, rompendosi una clavicola. A quel punto, Manduca, che con la sua Renault Kadjar seguiva il Ford Transit, ha accelerato e ha quindi schiacciato l’ultra’ napoletano.

“Il corpo del Belardinelli, gia’ a terra – scrivono i consulenti – probabilmente prono e con la fronte appoggiata sul tombino del manto stradale, e’ stato sorpassato dalla Renault”. Di quest’ultima circostanza c’e’ ulteriore prova, definitiva secondo gli esperti, in una traccia di sigillante che e’ stato trovato sempre sul giubbotto della vittima e che e’ quello utilizzato dal costruttore per il pianale inferiore della Renault Kadjar.

Le condizioni di Belardinelli si sono aggravate perche’, nonostante le frattura del bacino, e’ stato sollevato mani e piedi dai suoi compagni e trascinato a lungo. “Risulta, tuttavia, difficile immaginare – si legge nella consulenza – che gente priva di competenze mediche potesse immaginare l’entita’ delle lesioni pelviche e i possibili effetti negativi prodotti da un’inadeguata mobilizzazione del corpo”.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

Napoli, ucciso da un proiettile vagante, l’assassina è nullatenente: la famiglia deve pagare spese processuali

Pubblicato

in

Napoli, ucciso da un proiettile vagante, l’assassina è nullatenente: la famiglia deve pagare spese processuali.

 

Rimase vittima, a soli 24 anni, di un colpo di pistola esploso a Capodanno dalla figlia di un boss dei Quartieri Spagnoli di Napoli ma l’assassina e’ nullatenente e ad accollarsi le spese processuali, quasi 17mila euro, dovra’ essere la famiglia della vittima. A rendere nota la storia e’ l’avvocato Angelo Pisani, presidente di NoiConsumatori.

La cartella esattoriale, con richiesta perentoria di 18.600,89 euro, e’ stata addebitata oggi alla famiglia di Nicola Sarpa che ha un’unica colpa, affermano gli avvocati Angelo e Sergio Pisani, “essersi costituita parte civile nel processo contro Emanuela Terracciano, all’epoca 22enne, figlia del defunto boss Salvatore detto “‘o niron” , condannata nel procedimento penale in via definitiva a 8 anni di reclusione, al risarcimento in sede civile di oltre 626mila euro e al pagamento delle spese processuali.

“Ma e’ nullatenente – fa sapere Angelo Pisani – e a rispondere in solido ora e’ la famiglia”. Pisani spera in un intervento del Presidente della Repubblica e in una revisione della normativa anche fiscale che, sottolinea, “si sta rivelando una beffa per le vittime della criminalità”.

Inizialmente si penso’ che Nicola Sarpa fosse stato vittima del modo, becero, di festeggiare il Capodanno. Successivamente venne fuori che invece quei colpi di pistola erano stati esplosi contro un presunto rivale. A farne le spese, invece, di quella che oggi chiamiamo “stesa” (raid a colpi d’arma da fuoco per manifestare il proprio potere nel quartiere, ndr) fu quel giovane di appena 24 anni, affacciato al balcone. “Di questo passo – sottolinea Angelo Pisani – le vittime le vittime non denunceranno piu’ i propri carnefici che sempre nullatenenti”. Il presidente di NoiConsumati chiede all’Agenzia delle Entrate di cancellare questa cartella “assurda”.

“Alla famiglia e’ stato dato anche il gratuito patrocinio per difendersi dalla criminalita’ e adesso arriva la pretesa del pagamento”. L’assassina di Nicola ha pagato il suo debito con la Giustizia e ora e’ libera: “Lo Stato, – conclude l’avvocato Angelo Pisani – non ha saputo garantire sicurezza e la vita del giovane colpito a morte mentre era sul balcone e ora pretende anche i soldi dalla mamma e fratelli della vittima: una beffa in danno di chi gia’ ha sofferto e non avra’ alcun risarcimento”.

(nella foto il luogo della tragedia e nei riquadri la vittima Nicola Sarpa e l’assassina Emanuela Terracciano)

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette