HomeCronaca GiudiziariaDramma di Cardito, la sorellina di Giuseppe disegna un lupo al posto...

Dramma di Cardito, la sorellina di Giuseppe disegna un lupo al posto del patrigno

google news

Un lupo, il patrigno, che circuisce dei gattini che per lei rappresentano se stessa, il fratellino morto e la sorellina più grande. Così, la sorella più piccola di Giuseppe, il bimbo di Cardito, ucciso a bastonate il 27 gennaio 2019, disegna la sua famiglia. Un disegno fatto nella casa famiglia che l’ha ospitata subito dopo la tragedia. Del brutale omicidio di Giuseppe è accusato Tony Essobti Badre, compagno di Valentina Casa, madre naturale dei tre bimbi. Entrambi, dallo scorso 30 settembre, stanno sostenendo il giudizio davanti alla Terza Corte d’Assise del Tribunale di Napoli, presieduta da Lucia La Posta, giudice a latere Giuseppe Sassone. Al primo imputato, reo confesso, vengono contestati dagli inquirenti della Procura di Napoli Nord i reati di omicidio (di Giuseppe), del tentato omicidio della sorellina e di maltrattamenti; la mamma dei bimbi, invece, è ritenuta responsabile di comportamento omissivo. Oggi nell’aula 114 sono stati ascoltati alcuni testimoni dell’accusa, rappresentata dal pm Fabio Sozio. Tra questi anche alcuni educatori della casa famiglia alla quale la bimba venne affidata. “Una volta – riferisce al pm una delle educatrici ascoltate durante l’udienza – mi chiese di accompagnarla in bagno: lì vide, nella doccia, un secchio con dentro un manico di scopa del quale mostrava di avere paura”. Proprio con un manico di scopa, infatti, Giuseppe sarebbe stato ucciso da Tony (il patrigno), che, secondo quanto emerso, lo usava per punire i fratelli quando si rendevano protagonisti anche solo di qualche marachella.L’educatrice della casa famiglia ha raccontato anche un altro episodio durante il quale la bimba, alla vista della scopa, indicandola disse: “Tony faceva ‘bum bum’ con quella…”. L’udienza di oggi si è aperta con la testimonianza di un agente della Polizia Giudiziaria che ha analizzato il tabulato delle telefonate inoltrare dai telefoni cellulari dei due imputati quella tragica domenica, tra le 10 e le 14, nessuna per chiedere aiuto. La prossima udienza è stata fissata per il 22 gennaio.

Redazione
Redazionehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Morto il regista Peter Brook, aveva 97 anni

E' morto Peter Brook, leggenda del teatro e uno dei registi piu' influenti del 20esimo secolo. Il maestro di teatro, che aveva 97 anni, era...

Sorrento, incendio in un albergo: poliziotti evacuano gli ospiti e domano le fiamme.

Incendio in uno hotel a Sorrento, poliziotti evacuano gli ospiti e domano le fiamme con l'aiuto dei vigili del fuoco. Venerdì sera gli agenti del...

Frattamaggiore, è in coma a Bari il giovane dato alle fiamme mentre era in videochiamata con la fidanzata

Frattamaggiore. Nicola Lupoli si trova ricoverato al Policlinico di Bari in coma farmacologico. Ieri è stato dato alle fiamme mentre era in videochiamata con la...

Il Vangelo della domenica di don Salvatore Abagnale e il messaggio di pace

Quattordicesima domenica del tempo ordinario e don salvatore Abagnale oggi 3 luglio 2022 ci racconta il Vangelo della domenica. Si parla di pace e di...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita