Caserta. Cinque tra autolavaggi ed officine di carrozzeria auto sono state sequestrate nel quadro dei sullo smaltimento dei rifiuti nella “Terra dei fuochi”, territorio a cavallo tra le province di e Caserta. Smaltimento illecito dei rifiuti, inquinamento ambientale, immissioni in fogna non autorizzate ed abusivismo edilizio i reati contestati. Cinque imprenditori sono stati denunciati e quattro lavoratori in nero scoperti. L’operazione interforze, disposta dall’Incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi nella regione Campania, Gerlando Iorio, ha impegnato 60 uomini di forze dell’ordine ed Esercito ed ha interessato i Comuni napoletani di Giugliano Mugnano, Qualiano, Quarto e Villaricca, nel Napoletano, Aversa, Casal di Principe, Santa Maria Capua Vetere e nel Casertano. A Casal di Principe sono stati sequestrati due autolavaggi per immissione in fogna e gestione illecita di rifiuti, ed i proprietari sono stati multati per abusi edilizi, per esercizio abusivo di professione e presenza di lavoratori irregolari. Il titolare di un’altra officina è stato denunciato per violazione dei sigilli in quanto proseguiva l’attività nonostante il precedente sequestro. Nel Comune di Mugnano (Napoli), è stata invece sequestrata un’autocarrozzeria abusiva per illecito smaltimento dei rifiuti prodotti dalle lavorazioni.

LEGGI ANCHE  Napoli, oltre 3mila persone controllate dalla Finanza: 88 i sanzionati
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

In nave con 40 chili di hashish arrestato 28enne napoletano a Palermo

Notizia precedente

Napoli, nuovi autisti all’Anm: ci saranno 20 bus in più per ogni turno

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..