pompei


L’ultimo articolo dedicato alla visita di Pompei da parte del turista qualsiasi – da noi ribattezzato Mr Qualunque – si è chiuso proprio quando il nostro Mr Qualunque stava entrando all’interno del Punto di ristoro Autogrill di Pompei Scavi. Un punto di ristoro che qualsiasi catena di fast food, e non solo, vorrebbe avere.
Appena entrato, egli vede una fila di una trentina di persone che lo precedono e rassegnato si mette in coda per la cassa. Il personale non è poi tanto, mentre la richiesta sì che è tanta.
Mr Qualunque in quel momento non immagina di essere entrato in uno dei siti più “complicati” e “bollenti” di quell’universo di problemi che sono gli Scavi di Pompei.
Già nella prima metà del Novecento fu aperto un punto di ristoro presso la Stazioncina di Pompei Scavi della Ferrovia Circumvesuviana che era l’ultima fermata prima di Pompei Santuario. Il locatario era Aurelio ITEM, capostipite della storica famiglia di albergatori svizzeri stanziatisi a Napoli. La linea ferroviaria della Circumvesuviana era stata inaugurata da poco quando Aurelio ITEM l’allora – già proprietario dell’Hotel Suisse a Piazza Porta Marina Inferiore e dell’Hotel Tristano e Isotta a Napoli – approfittò della occasione per realizzare una seconda propria struttura d’accoglienza dentro gli Scavi,.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale gli ITEM furono travolti dalle difficoltà finanziarie innescate dal loro tentativo di rimettere in piedi i loro alberghi semidistrutti dai bombardamenti alleati. Seguì lo stallo delle loro attività imprenditoriali a Pompei Scavi.
Di tale stallo approfittò un intraprendente ristoratore napoletano, anzi posillipino.
Questo imprenditore non proprio di primo pelo, pressato dai creditori per un precedente passo falso imprenditoriale a Napoli, riuscì comunque con i propri buoni uffici a ottenere in locazione il Posto di Ristoro nella zona postica delle Terme del Foro colpita dalle bombe della Seconda Guerra Mondiale. Il ristoratore napoletano riuscì a ottenere dal Demanio in locazione per ricavare il Ristorante anche un piccolo e appartato peristilio antico, ancora oggi in uso.
Ovviamente la trasformazione delle strutture archeologiche in “Ristorante Internazionale” con bar e sala vendita souvenir, comportò demolizioni e trasformazioni incongrue. Al limite della distruzione di quello che era sopravvissuto ai bombardamenti. Forse oltre. Anzi decisamente oltre. Soprattutto nel sottosuolo. E da quel momento il sottosuolo del Ristorante fu la cloaca massima in cui si riversarono migliaia, anzi milioni di litri di reflui organici e non. Perchè?
Il lettore capirà bene che a Milioni di visitatori degli Scavi Pompeiani corrispondono almeno altrettanti milioni di…pisciatine. E alle pisciatine si accompagnano a volte anche altri bisogni fisiologici più…concreti. Possiamo dire insomma che il Posto di ristoro galleggiava su un mare merdoso che ancora oggi grida vendetta.
D’altra parte, già a quell’epoca furono le polemiche molto accese. Esse scaturivano dall’ assegnazione del posto di Ristoro. Polemiche localistiche, ma anche giornalistiche.
Quelle giornalistiche furono condotte sopratutto sulle colonne del prestigioso e storico quotidiano napoletano “Il Roma”, allora nelle salde mani del Comandante Achille Lauro, ‘o cumandante per antonomasia per i Napoletani.
Ma torniamo al Posto di ristoro che – dagli anni ’50 ai primi anni Duemila – fu florida fucina di molte centinaia di milioni di lire prima e poi di molte centinaia di migliaia di euro per gli eredi dell’imprenditore posillipino. L’attivo a molti zeri fu ben tesaurizzato in attività produttive diverse, prima di inabissarsi in un mare di inspiegabili insolvenze che certo non si generavano a Pompei Scavi. Le tante inadempienze del vecchio locatario furono dunque la premessa alla indizione di una Gara per l’aggiudicazione del posto di Ristoro a un nuovo locatario, nel 2009, dopo un decennio di tira e molla tra Soprintendenza, Locatario e Uffici Demaniali.
Nelle more dell’espletamento della gara – a fronte di anni di tardivi o mancati pagamenti del canone locativo – la Soprintendenza di Pompei fu intanto diretta commissarialmente da un Prefetto. Quest’ultimo sgomberò quasi manu militari il Ristorante Internazionale e gli eredi, mediocri epigoni del fecondo familismo del fondatore, in un turbinio di denunce e carte bollate, che oltretutto manteneva bloccata la gara indetta anni prima.
Correva dunque l’anno 2016 dell’era cristiana quando ad Autogrill fu aggiudicata la gara dallo stesso Prefetto. C’erano voluti ben sette anni per una gara. L’affaire era grosso, anzichenò!!
Vediamo dunque come, quando e perché si arrivò ad Autogrill. Intanto, il nostro Mr Qualunque si fa disciplinatamente la sua fila. (continua)

LEGGI ANCHE  Napoli: manca il numero legale, sciolta la seduta del Consiglio comunale

 Federico L.I. Federico



Cronache Tv


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

De Luca anticipa: ‘Inevitabile la zona rossa in Campania’

Avviato lo screening di massa a Castellammare, Torre Annunziata e Pompei
Leggi tutto

Camorra, non erano al soldo del clan: assolti 3 carabinieri di Secondigliano

Gli appuntati Giuseppe Lisco, Andrea Corciulo e Giuseppe Costanzo, erano stati accusati di corruzione aggravata da un loro collega, il...
Leggi tutto

Covid, oggi 22. 865 casi in Italia: tasso di positività al 6.7%

Ancora un forte aumento di positivi con la Lombardia che fa registrare oltre 5mila casi
Leggi tutto

Vietri sul Mare, troppi contagi: il sindaco chiude piazze e chiese

La decisione del primo cittadino Giovanni De Simone
Leggi tutto

Instituto Cervantes: 4 incontri in streaming con lo chef castigliano Juan Carlos Benito

Dall’8 al 29 marzo dalle ore 16 sulla piattaforma Zoom | Accesso gratuito |"La geografia della Spagna attraverso le tapas"
Leggi tutto

Tragedia Santa Maria Capua Vetere: bimbo di 4 mesi trovato morto in culla

Qualche ora prima della scoperta il neonato era stato allattato dalla mamma
Leggi tutto

Direzione regionale Musei Campania, insieme per la cura del verde nella Villa Floridiana

La Direzione regionale Musei Campania, in collaborazione con l’Associazione Premio GreenCare Aps, organizza sabato 6 marzo dalle ore 9.00 alle...
Leggi tutto

Napoli, Città della Scienza: a 8 anni dal rogo ancora nessuna ricostruzione

Il futuro di Città della Scienza e di Bagnoli passa nuovamente per una cabina di regia, come annuncia il ministro...
Leggi tutto

Cronisti minacciati Il ministro Lamorgese: “Massima attenzione del Viminale anche per il web”

Nel 2020 aumentano i casi dell'87%: Fnsi, Ordine, Assostampa Toscana e il direttore de Il Tirreno alla riunione del Centro...
Leggi tutto

Pd, Nicola Zingaretti si dimette da segretario

"Mi vergogno che nel Pd, partito di cui sono segretario, da 20 giorni si parli solo di poltrone e primarie,...
Leggi tutto

Covid, in Campania 2780 nuovi positivi: tasso all’11,58%

La regione in piena terza ondata. Registrati altri 40 decessi
Leggi tutto

Vandalizzata la scuola Rodinò di Ercolano. Bambina scrive a Consigliere Borrelli

Una bambina scrive a Borrelli: “Hanno sparso per terra e vandalizzato le cose di un mio amico disabile solo per...
Leggi tutto

Napoli, aggredisce infermiera del Santobono: denunciata

La donna, una 33enne napoletana, è stata denunciata per minacce e lesioni.
Leggi tutto

Campania: ok per vaccini a docenti pendolari ma occorre fornitura ad hoc

Le dosi di Astrazeneca sono attualmente tarate per soddisfare la vaccinazione dei docenti che operano in territorio regionale campano.
Leggi tutto

Al via i lavori di restauro del mosaico di Alessandro Magno

'La battaglia di Isso', un manufatto di 5,82 metri per 3,313 metri scoperto nel 1831 e dal 1844 nel Museo...
Leggi tutto

I muri colonnati della Galleria Umberto I di Napoli imbrattati da scritte selvagge

Europa Verde: "Abbiamo proposta di ripulire a nostre spese i muri ma la Soprintendenza di fatto ci blocca"
Leggi tutto

Punta Campanella partecipa agli Stati Generali del Turismo

In Italia si contano circa 30 milioni di presenze legate al turismo naturalistico
Leggi tutto

Coronavirus, Napoli: no dad ‘festeggiano’ un anno di chiusura della scuola

Il gruppo di no dad 'Usciamo dagli schermi' si è dato appuntamento sabato alle 11.30 alla metropolitana di via Toledo.
Leggi tutto

Napoli, aggredisce commerciante per derubarlo: bloccato da un carabiniere

Commerciante salvato da un carabinieri della Sezione Scorte, di rientro dal servizio a un magistrato. E' accaduto tra via Casanova...
Leggi tutto

Terra dei fuochi: da Aversa una nuova istituzione tra comuni a difesa della salute

L'iniziativa è del presidente del Consiglio di Aversa, Carmine Palmiero. Prima riunione martedì 9 marzo
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..