29.9 C
Napoli
lunedì, Agosto 3, 2020
  • Cronaca
  • Calcio

L’autobus del Genk resta bloccato a causa di un incivile in doppia fila: calciatori stupefatti. IL VIDEO

“Il trasferimento in autobus dei calciatori del Genk, squadra che sfiderà martedì sera il Napoli nell’ultima giornata dei gironi di Champions League, è stato una vera e propria via Crucis a causa dei fenomeni di inciviltà che, purtroppo, caratterizzano la nostra città. Ci sono stati segnalati vari video che hanno mostrato le difficoltà del mezzo a spostarsi. Il primo, realizzato lungo corso Umberto, evidenziava l’autobus fermo nel traffico, generato dai mezzi in sosta vietata che restringono sensibilmente la carreggiata. Il secondo, invece, mostra il mezzo bloccato, nonostante l’accompagnamento delle forze dell’ordine, a causa di… un’auto in sosta vietata. Secondo chi ha inviato il video sui volti dei calciatori della squadra belga si leggeva tutta la sorpresa per il modo di fare dell’automobilista che ha lasciato l’automobile in quel modo”. Lo rendono noto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “I cialtroni, come al solito, ci espongono a figuracce internazionali. Le nostre peggiori abitudini lasciano stupefatto chi arriva da altri paesi. Non è normale lasciare l’auto in doppia fila e intralciare il traffico. Sia quando si blocca l’autobus di una squadra di calcio straniera sia quando si blocca l’automobile di un cittadino. Abbiamo ancora tanta strada da fare sotto il profilo della civiltà e dell’educazione”. Sono poco piu’ di mille i tifosi del Genk attesi questa sera al San Paolo per la gara dell’ ultimo turno della fase a gironi del gruppo E della Champions League. Tre charter partiti da Maastricht, l’ aeroporto più vicino alla cittadina del Belgio, sono atterrati ieri a Capodichino con 372 supporters fiamminghi. Altri hanno utilizzato i voli di linea da Bruxelles, il treno o mezzi propri per raggiungere Napoli. La gara di stasera non e’ classificata a rischio dalla Questura di Napoli che dovrebbe schierare circa 500 agenti per l’ ordine pubblico, ma il club belga ha avvertito i propri tifosi, con un avviso sul sito web ufficiale, che “i tifosi del Napoli possono presentarsi all’ improvviso e non godono di una buona reputazione” e li ha invitati a non girare per le strade con i colori della squadra.

Autobus Genk bloccato

Video. L’autobus del Genk resta bloccato a causa di un incivile in doppia fila: calciatori stupefatti. Borrelli e Simioli: “I cialtroni ci espongono a figuracce internazionali, dai volti dei calciatori traspariva la sorpresa per atteggiamenti del genere” “Il trasferimento in autobus dei calciatori del Genk, squadra che sfiderà martedì sera il Napoli nell’ultima giornata dei gironi di Champions League, è stato una vera e propria via Crucis a causa dei fenomeni di inciviltà che, purtroppo, caratterizzano la nostra città. Ci sono stati segnalati vari video che hanno mostrato le difficoltà del mezzo a spostarsi. Il primo, realizzato lungo corso Umberto, evidenziava l’autobus fermo nel traffico, generato dai mezzi in sosta vietata che restringono sensibilmente la carreggiata. Il secondo, invece, mostra il mezzo bloccato, nonostante l’accompagnamento delle forze dell’ordine, a causa di… un’auto in sosta vietata. Secondo chi ha inviato il video sui volti dei calciatori della squadra belga si leggeva tutta la sorpresa per il modo di fare dell’automobilista che ha lasciato l’automobile in quel modo”. Lo rendono noto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “I cialtroni, come al solito, ci espongono a figuracce internazionali. Le nostre peggiori abitudini lasciano stupefatto chi arriva da altri paesi. Non è normale lasciare l’auto in doppia fila e intralciare il traffico. Sia quando si blocca l’autobus di una squadra di calcio straniera sia quando si blocca l’automobile di un cittadino. Abbiamo ancora tanta strada da fare sotto il profilo della civiltà e dell’educazione”.

Publiée par Francesco Emilio Borrelli sur Mardi 10 décembre 2019

Pubblicità

DALLA HOME

Link sponsorizzati

flash news