🔴 ULTIME NOTIZIE :

Napoli, Linea 1 della metro al Rione Sanità prima del 2026

Il varco di accesso alla metropolitana Linea 1 nel quartiere Sanità a Napoli si farà e sarà interamente finanziata con 6 milioni e 900mila euro di fondi Pnrr, "quindi non esistono preoccupazioni rispetto alla mancanza di risorse". Così l'assessore comunale alle Infrastrutture Edoardo Cosenza intervenendo in commissione Infrastrutture e Mobilità. "Da...

Processo per la morte del piccolo Giuseppe Dorice, il testimone: ‘Scene raccapriccianti’

Si è trovato davanti “una scena raccapricciante, la bimba era totalmente sfigurata dalle botte, aveva […]

    Si è trovato davanti “una scena raccapricciante, la bimba era totalmente sfigurata dalle botte, aveva lividi dappertutto e faceva fatica anche a vedere, aveva gli occhi gonfi e per guardare doveva aprirsi le palpebre con le manine”. Con queste parole un agente della di Stato ha descritto la terribile scena che si è trovato davanti il 28 gennaio scorso nell’ospedale Santobono di dov’era stata portata la sorellina di Giuseppe, il bimbo ucciso il 27 gennaio a , nel Napoletano. Il poliziotto e’ tra i testimoni del processo a carico di e , rispettivamente il patrigno di Giuseppe e la madre del bimbo ucciso. Badre è accusato dell’ di Giuseppe, il tentato omicidio della sorellina e i maltrattamenti. Di comportamento omissivo è invece accusata Valentina Casa “Dovete portate in prigione mio padre, la sera beve la birra e ci picchia, e mamma deve chiamare i ”. E’ un grido d’aiuto giunto troppo tardi, quello della piccola sorellina di Giuseppe. A riferire le sue parole, è lo stesso teste. Queste parole la bimba le riferisce al poliziotto, mentre sta disegnando, nel reparto dove la piccola è ricoverata e dove sarà sottoposta a un intervento per suturare una parte dell’orecchio parzialmente staccata, verosimilmente per le botte ricevute.  “Mi sembrava un mostro, era irriconoscibile” e poi “non pensavo che una persona potesse arrivare a tanto”. Lo ha detto una vicina di casa del piccolo Giuseppe, pure lei testimone al processo. La circostanza fa riferimento al giorno in cui Giuseppe venne ucciso, precisamente al momento in cui intervennero i sanitari del 118. “Quando ho visto la bambina – ha detto ancora la donna – ho pensato a mio figlio che ha otto anni…aveva i capelli strappati, dietro la nuca, l’ho vista per pochi istanti ma fa male ricordare”. La donna ha poi ricordato le volte che li vedeva andare a scuola: “avevano sempre gli occhi bassi, sembravano impauriti”. Quel giorno (quello dell’omicidio), ricorda la donna, “non mi e’ stato chiesto aiuto” e neppure “ho sentito urlare”. La testimone ha poi confermato alcune dichiarazioni rese alle forze dell’ordine quando venne ascoltata nell’immediatezza dei fatti: “quella era la casa degli orrori: lui (Badre, ndr) che urlava sempre tantissimo e diceva parolacce”.

    Leggi anche

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Pozzuoli spacca un tavolo di vetro e minaccia tutti

    Ore 19:00 gli equipaggi 118 di “Pozzuoli auto” e “Montesaut “ vengono allertati per “agitazione psicomotoria “ in via Montenuovo Licola Patria a Pozzuoli....

    Napoli, arrivano le multe morali per chi parcheggia sugli scivoli per disabili: ‘Sei una me..a’

    Che succede alle auto parcheggiate illecitamente a ridosso degli scivoli per disabili? Dovrebbero essere sanzionate ma il più delle volte i loro proprietari la passano...

    Agguato ad Alatri, Omar: “Volevano uccidere me per motivi razzisti”

    "Volevano uccidere me non Thomas. E' iniziato tutto per razzismo, questa è la verità". A dirlo è Omar, 20 anni destinatario degli spari che hanno...

    A Caserta poliziotto spara contro baby gang che aveva aggredito il figlio: arrestato

    E' stato arrestato ma posto agli arresti domiciliari il poliziotto che l'altra sera in provincia di Caserta ha esploso colpi di pistola contro gang...