Pagani, raccoglitori per olio esausto, si parte domenica

SULLO STESSO ARGOMENTO

Per comprendere meglio l’importanza dell’iniziativa domenica 6 ottobre in Piazza Sant’Alfonso sarà installato un ecopoint dove reperire tutte le informazioni più utili: cosa smaltire e perché tale iniziativa risulta cosi importante.Ricordando che “chi ben smaltisce è a metà dell’opera”!
Installati nel comune di Pagani due contenitori per la raccolta degli oli esausti. Due i punti di raccolta individuati: uno in Vasca Pignataro e l’altro in piazza D’Arezzo. Un progetto importante presentato dall’Aspa e fortemente condiviso e voluto dall’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Gambino. Un progetto che tiene conto dell’impatto ambientale che determinati tipi di rifiuti hanno sull’ecosistema. Difatti gli oli utilizzati in cucina o per la conservazione degli alimenti non possono essere smaltiti in altro modo perché si configurano quali rifiuti speciali che impattano sull’ambiente inquinando le acque. Con l’installazione dei punti di raccolta ciascun cittadino potrà smaltire e differenziare gli oli esausti consentendo che gli stessi vengano rigenerati e riutilizzati per la produzione di oli lubrificanti per motore, cementi, asfalti e bitumi, biodiesel per trazione e altro ancora. Un vantaggio per l’ambiente che inevitabilmente si prefigura quale vantaggio per ciascun cittadino.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE