Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Calcio Napoli

Ancelotti: “Insigne caso chiuso, ma deve sorridere”

Pubblicità'

Pubblicato

il



Pubblicità'

Dopo le nazionali, riecco la Serie A. Per il Napoli subito l’occasione del riscatto contro l’Hellas Verona, una partita in cui gli azzurri sono chiamati a vincere per trovare lo switch definitivo in campionato. De Laurentiis vorrebbe Ancelotti per altri dieci anni. “Oggi la priorità non è parlare del mio rinnovo – dice il tecnico partenopeo – ma della situazione della squadra e del ciclo che dobbiamo affrontare. Non mi va di commentare le parole del presidente. Ma sono dichiarazioni venuti dal cuore, magari anche un po’ forti per alcuni giocatori, ma col cuore”. Il riferimento è per Insigne. “Ha avuto un attimo di sbandamento e gliel’ho fatto notare. Per me e per la squadra è di fondamentale importanza, quand’è sereno e allegro dà il meglio di sé, quand’è ombroso non riesce a tirare fuori tutte le potenzialità. Io gli ho fatto rimarcare questo con la tribuna di Genk, un gesto forte, ma ora si sta allenando serenamente”. Per i rinnovi di Mertens e Callejon “sta ai giocatori valutare tutte le cose e prendere la decisione giusta per loro. C’è stata un’offerta ponderata da parte della società ai giocatori e ai loro entourage”. Critiche esagerate: ” Bruciano i pareggi con Genk e Torino, che ci possono stare, e il k.o. col Cagliari. In Champions siamo in testa al girone. Noi facciamo valutazioni critiche ed oggettive e tutto questo dramma non l’abbiamo visto, né io né chi lavora con me né la società”. Sul razzismo: “Le cose stanno migliorando, sono migliorate. C’è stata una presa di coscienza delle istituzioni. Prima si diceva che fosse goliardia, invece ora si stanno facendo le cose sul serio. Siamo sulla strada giusta”. Le critiche rientreranno: “Nei periodi di pausa c’è la tendenza di accentuare la critica. Ma come dicono in Toscana le chiacchiere le porta via il vento. La partita di domani è questione di vita e di morte, ci dà la possibilità di darci tre punti in campionato e di ritrovare la continuità in questo periodo della stagione”.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio Napoli

Gattuso: ‘Ci è andata bene. Il rinnovo? Non è una priorità’

Pubblicato

il

Gattuso
foto di cronache della campania

Gattuso: ‘Ci è andata bene. Il rinnovo? Non è una priorità’.

“Potevamo chiuderla la partita, non siamo stati bravi. Alla fine ci è andata bene, abbiamo dato troppo campo a loro. Ci stava anche la sconfitta”. Così Rino Gattuso, tecnico del Napoli, a Sky Soport, dopo il pareggio contro l’Az. “Potevamo leggere meglio alcune situazioni, ce la giocheremo tra una settimana con il Real Sociedad. C’è rammarico, con più attenzione potevamo portarla a casa. La squadra crea ma potevamo gestirla meglio”, ha aggiunto. “Ci sono delle cose positive ma bisogna prima parlare delle cose negative. Abbiamo giocato con una squadra vera che ha velocità, nel secondo tempo abbiamo fatto male noi.

Chi è entrato ci ha dato poco, di solito non accade così. Ora testa al Crotone, sarà una partita difficile perché abbiamo speso tanto”, ha aggiunto.In merito al rinnovo Gattuso ha spiegato: “Per me i contratti non sono la priorità ma lo sono il lavoro e il quotidiano. Non mi fanno impazzire i contratti, potrei lavorare anche a quattro o cinque mesi, non ho problemi. So che certe volte esagero con i giocatori, sono pesante.

Ho provato a farlo in maniera diversa questo lavoro ma non ci riesco”. “Non c’è Osimhen? Dobbiamo fare di necessità virtù. Allegri diceva sempre che l’importante è essere in undici. Petagna ha fatto molto bene. Speriamo che recuperi il prima possibile, ma è inutile ribadire che ci manca Osimhen”, ha concluso.

Pubblicità'

Le Notizie più lette