Schiavone parla dei tre imprenditori nel processo all’ex sindaco: ‘Erano i miei referenti’

Nicola Schiavone non è a conoscenza del sostegno del clan dei Casalesi per la campagna elettorale in favore dell’ex sindaco di Capua, Carmine Antropoli, scarcerato nel pomeriggio dopo 7 mesi tra carcere e domiciliari. Lo ha ammesso lo stesso figlio di Sandokan, che da oltre un anno sta collaborando con gli inquirenti della Dda, nel […]

google news

Nicola Schiavone non è a conoscenza del sostegno del clan dei Casalesi per la campagna elettorale in favore dell’ex sindaco di Capua, Carmine Antropoli, scarcerato nel pomeriggio dopo 7 mesi tra carcere e domiciliari. Lo ha ammesso lo stesso figlio di Sandokan, che da oltre un anno sta collaborando con gli inquirenti della Dda, nel corso dell’udienza celebrata stamattina dinanzi alla Corte d’Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Un’udienza fiume, svolta dinanzi al collegio presieduto dal giudice Napoletano, nel processo che vede alla sbarra con l’ex sindaco Antropoli, l’imprenditore vicino al clan Francesco Zagaria (diventato nei mesi scorsi collaboratore di giustizia), Armando Porciello, 47enne di Capua; l’ex consigliere comunale Marco Ricci e l’ex assessore Guido Taglialatela.
I TRE IMPRENDITORI: “ERANO I MIEI REFERENTI A CAPUA”
Schiavone durante la sua testimonianza ha tirato in ballo tre imprenditori (al momento non formalmente indagati) ritenuti una diretta emanazione della fazione Schiavone sul territorio di Capua, al punto da avere anche una discreta autonomia e mantenere buoni rapporti con l’amministrazione comunale. Ma sul sostegno politico-elettorale da parte dei tre imprenditori edili e dello stesso clan dei Casalesi ad Antropoli ed al suo gruppo politico, Schiavone ha dichiarato di non esserne a conoscenza per il 2006. Discorso diverso per le elezioni successive, nel 2011, in quanto Schiavone già era detenuto al 41 bis e quindi estromesso dalle dinamiche del clan.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Salerno, scandalo affitti case vacanze: 17 indagati

Blitz della Guardia di Finanza: nei guai 17 dipendenti pubblici. Danno erariale di 1.400.794,42 euro

Torre del Greco, spacciavano ai domiciliari: arrestati coniugi

A Torre del Greco i carabinieri perquisiscono casa e trovano droga e soldi. In manette Giuseppe Terrone e Maria Anna Farese

Napoli, migrante aggredisce due agenti della Polizia Penitenziaria a Poggioreale

Arrestato un 31enne del Ciad con precedenti di polizia e irregolare sul territorio nazionale

Fridays for future, in migliaia a Napoli: protesta contro le navi nel porto

A Napoli movimenti studenteschi, ambientalisti, sindacati insieme per la mobilitazione indetta dai Fridays for future.

IN PRIMO PIANO

Pubblicita