Napoli, droga per il clan Di Lauro al rione Berlingieri: 100 anni di carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Tribunale di Napoli (IV sezione, collegio C), al termine del processo celebrato con il rito ordinario a presunti esponenti del clan Di Lauro, ha condannato undici imputati che figurano tra i circa cento destinatari dell’imponente ordinanza di custodia cautelare emessa nel 2013 nei confronti dell’organizzazione camorristica di Secondigliano. Il giudice ha emesso nei loro confronti pene complessive per 97 anni di carcere. Due le assoluzione, tra le quali figura anche quella di Valentina Licciardi, accusata di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e di due cessioni di cocaina, per la quale la Dda aveva chiesto una condanna a 14 anni di reclusione. Valentina Licciardi, difesa dall’avvocato Nicola Pomponio, è stata assolta per non avere commesso il fatto. I giudici hanno anche scagionato i ras Giuseppe De Luca detto Peppe ‘a scarola e Giovanni Bellone dall’accusa di essere i capi promotori dell’organizzazione.  Queste, invece, nel dettaglio le condanne inflitte agli undici imputati: Giuseppe De Luca, 16 anni in continuazione; Giovanni Bellone, 14 anni; Gennaro Balsamo, detto o’ scheletro 13 anni e 4 mesi in continuazione;Anna Matuozzo, 12 anni e 6 mesi Raffaele Chiummo e Giuseppe De Martino, 10 anni;  Gianmarco Magliozzi, 7 anni. Angela Di Marzo e Carmine Del Medico, 6 anni; Giuseppina Puddu, 5 anni; Carmela Giordano, detta Melania 3 anni. Molti degli imputati sono in libertà.






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE