Napoli, vasto incendio da Montagna Spaccata a Camaldoli. I Verdi chiedono un’inchiesta

Napoli. Un vasto incendio sta interessando dal primo pomeriggio di oggi l’area collinare della Montagna Spaccata a Pozzuoli fino ai Camaldoli. Le fiamme, che stanno distruggendo vegetazione del tipo macchia mediterranea, stanno lambendo i quartieri di località San Martino e Pisani tra Pozzuoli e Napoli ed il quartiere di Pianura. Impegnati nello spegnimento dei focolai alcune squadre di vigili del Fuoco via terra oltre a due elicotteri, un aereo ed una squadra dell’antincendio della Regione Campania. Per velocizzare le operazioni e ridurre il fronte delle fiamme gli elicotteri si stanno rifornendo di acqua dai laghetti dell’oasi degli Astroni a poche centinaia di metri dalla zona dei roghi. “Dopo il vasto rogo di ieri, un nuovo incendio e’ esploso ai Camaldoli, a Napoli. E’ il secondo episodio in meno di 24 ore, è chiaro che c’è qualcosa che non va”. Lo hanno dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere dei Verdi alla Regione Campania, e Marco Gaudini, consigliere comunale di Napoli per Il Sole che ride. “Ieri – hanno proseguito – brucio’ una grossa fetta di vegetazione, con lo colonne di fumo che raggiunsero, con il loro odore acre, anche il centro abitato. Sono stati nuovamente allertati in tempo reale i vigili del fuoco per sedare al più presto le fiamme e limitare i danni sia alla vegetazione che ai cittadini. E’ chiaro, però, che serve un’indagine approfondita per capire cosa abbia scatenato i due roghi in un lasso di tempo cosi’ breve”. “Seguiremo attentamente la vicenda – hanno concluso Gaudini e Borrelli – per far luce sulla situazione”.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati