Napoli, Insigne capitano e leader pieno di ambizioni

“Io, al di la’ della fascia, cerco sempre di dare tutto per i colori azzurri. Ho grandi responsabilita’, da napoletano, e sono il primo a starci male quando non riesco e non riusciamo a fare bene. Anche quando il capitano era Hamsik sentivo molto, moltissimo questa maglia. La fiducia del tecnico, dei compagni e dei tifosi mi aiutera’ a far bene”. Cosi’, ai microfoni di Radio Kiss Kiss NAPOLI, il capitano del team partenopeo, Lorenzo Insigne. “La mia posizione? Io cerco di esprimermi sempre al massimo: ho parlato con Ancelotti e ho chiesto di farmi giocare un po’ piu’ a sinistra, dove mi trovo meglio. Mi spiace riceve fischi, soprattutto perche’ io sono il primo a star male quando le cose non vanno bene. Io piu’ maturo? Penso di si’. Le altre squadre hanno cambiato molte cose; noi siamo invece un gruppo solido e possiamo fare tanto bene in questa stagione”. Io, al di la’ della fascia, cerco sempre di dare tutto per i colori azzurri. Ho grandi responsabilita’, da napoletano, e sono il primo a starci male quando non riesco e non riusciamo a fare bene. Anche quando il capitano era Hamsik sentivo molto, moltissimo questa maglia. La fiducia del tecnico, dei compagni e dei tifosi mi aiutera’ a far bene”. Cosi’, ai microfoni di Radio Kiss Kiss NAPOLI, il capitano del team partenopeo, Lorenzo Insigne. “La mia posizione? Io cerco di esprimermi sempre al massimo: ho parlato con Ancelotti e ho chiesto di farmi giocare un po’ piu’ a sinistra, dove mi trovo meglio. Mi spiace riceve fischi, soprattutto perche’ io sono il primo a star male quando le cose non vanno bene. Io piu’ maturo? Penso di si’. Le altre squadre hanno cambiato molte cose; noi siamo invece un gruppo solido e possiamo fare tanto bene in questa stagione”, ha aggiunto Insigne. “La maglia numero 10? E’ un sogno, ha un sapore diverso qui a NAPOLI. Maradona e’ stato il piu’ grande calciatore del mondo; al momento non intendo cambiare la 24. James Rodriguez? Se il mister e la societa’ scelgono lui sara’ di certo ben accettato da tutti. Lui e’ un vero numero 10. La societa’ ha fatto bene a tenere i prezzi del San Paolo bassi: cosi’ il nostro stadio potra’ sempre essere pieno. Se sono arrivato qui, a questo livello, e’ merito di Zeman. Poi con Benitez, Mazzarri e Sarri mi sono trovato sempre bene. Ora Ancelotti ci sta dando tanto: non devo ripetere io i suoi numeri”, ha proseguito il capitano azzurro. “Allan, Zielinski e Fabian Ruiz possono garantire un centrocampo di altissimo livello. Allan ha vinto ora la Coppa America col Brasile, Zielinski per me e’ un top player. Fabian ha tanta qualita’ e puo’ darci un grande mano”, ha spiegato ancora Lorenzo Insigne. In difesa stavamo gia’ messi bene, ora con Manolas abbiamo fatto un utleriore passo avanti. In attacco siamo tanti, possiamo giocare e far gol tutti. Ora basta secondi posti; abbiamo una grande concorrente ma cercheremo di metterla in difficolta’”

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati