Bacoli. Dopo 14 mesi si riapre la vertenza delle lavoratrici della Migroupe, che per ben tre anni hanno contribuito ad assicurare un pasto caldo ai bambini dei plessi scolastici di Bacoli. Infatti questo è il tempo che si è preso il titolare di questa azienda per contattare il sindacalista che si è sempre occupato della vertenza.
“Finalmente arriva uno spiraglio di luce – dichiara Domenico Monaco della segreteria regionale Confail – sono stato contattato personalmente dall’imprenditore, il quale, vuole chiudere definitivamente la questione stipendi arretrati e spettanze contributive. Tutto è nato dalla problematica che ha visto il comune di Bacoli commissariato mettendo in grande difficoltà economica lo stesso imprenditore, che però ha garantito fino al termine ultimo, 31 maggio 2018, la refezione ai bambini”.
Domenico Monaco esprime soddisfazione per come stanno procedendo le trattative ma “la conquista sarà solo quando i lavoratori avranno ricevuto ciò che gli spetta. Auspichiamo che con l’insediamento della nuova macchina comunale e del Sindaco si possa mettere definitivamente la parola fine a questa brutta vicenda. Ricordiamo che i dipendenti vantano parte delle spettanze del mese di marzo 2018, e tutto aprile e maggio 2018 oltre la corresponsione delle spettanze contributive.Nel frattempo – continua Domenico Monaco – mi sono arrivati i conteggi di ogni singolo dipendente, conteggi inerenti alla sola retribuzione, mancano i dati, e mi sono stati garantiti nel breve tempo, la posizione Tfr e varie.Se dovesse cambiare la scelta dell’imprenditore – conclude Monaco – abbiamo pronta una task force legale da mettere in campo a tutela delle lavoratrici”.

Juve Stabia: arriva il centrocampista Addae dall’Ascoli

Notizia Precedente

Processo Olimpo, è subito scontro tra Dda e difesa sugli atti e sui verbali senza omissis

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..

;