Residui vegetali bruciati poco distante dalle zone residenziali: 2 persone sono state deferite alla competente Autorita’ giudiziaria perche’ ritenute responsabili di immissione nell’aria di fumi pericolosi nonche’ combustione illecita di rifiuti. I due, nonostante il divieto di bruciatura nell’attuale periodo di massimo rischio per gli incendi boschivi decretato dalla Regione Campania, avrebbero intenzionalmente appiccato il fuoco per lo smaltimento di sterpaglie e residui vegetali derivanti dalla lavorazione di propri rispettivi terreni, ubicati nei comuni di Monteforte Irpino (Av) e Montemarano (Av). Alla luce degli elementi di colpevolezza raccolti dai carabinieri delle rispettive Stazioni, e’ scattata nei confronti dei predetti la denuncia in stato di liberta’ alla Procura della Repubblica di Avellino. I servizi predisposti dal comando provinciale dei carabinieri di volti al contrasto degli incendi boschivi e della pratica dell’abbruciamento dei residui forestali e vegetali, hanno fatto sapere i militari stessi, continueranno ininterrottamente in tutta l’Irpinia.

ADS
LEGGI ANCHE  San Gennaro Vesuviano, nominata la giunta: tutta interamente esterna



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Il ministro Costa: ‘Terra dei fuochi, accordo con Aeronautica permette agire più efficacemente’

Notizia precedente

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone e poi tenta il suicidio: grave 35enne

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..