Anacapri, abusi edilizi: denunciato 62enne napoletano

Ieri l’Autorità giudiziaria partenopea ha convalidato il sequestro preventivo di un’area di 2000 mq. eseguito dal Commissariato di Capri in un fondo agricolo in Anacapri.I poliziotti, dallo scorso 24 giugno, in occasione di un servizio di contrasto all’abusivismo edilizio, con il concorso dei tecnici dell’Ufficio edilizio del comune di Anacapri, hanno eseguito una serie di sopralluoghi di Via Damecuta. Dai diversi accessi i poliziotti hanno accertato che il proprietario, un napoletano di sessantadue anni, aveva violato alcune norme urbanistiche.
Su di una superfice di circa 2000 mq aveva, in assenza delle prescritte autorizzazioni e permessi, realizzato diversi corpi di fabbrica, ampliato altri già esistenti, creato ex novo un viale di comunicazione fra due diverse quote terrestri, pavimentato un’area prima interessata da uliveti, realizzato locali tecnici per illuminazione, condizionamento, manutenzione piscina e vasche per piante acquatiche, installato pergolati di ferro e gazebo di legno fissi ed una piscina idromassaggio. L’uomo è stato denunciato per la violazione della normativa urbanistica per aver realizzato opere in assenza del permesso di costruzione, in assenza di autorizzazione paesaggistica, in violazione della normativa antisismica e deturpamento bellezze naturali; tutta l’area è stata sottoposta a sequestro.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati