Oroscopo di oggi 14 aprile 2024

Scoperti a Boscoreale i depositi dei veleni con 380mila confezioni di fitofarmaci prodotti in Cina e Tailandia. Cinque denunciati. IL VIDEO

SULLO STESSO ARGOMENTO

I militari del dipendente Gruppo di Torre Annunziata, nell’ambito di un’attività di servizio finalizzata al sistematico controllo economico del territorio dell’hinterland oplontino e vesuviano, hanno individuato, nel comune di Boscoreale , una vasta area, circa 20.000 mq, nella quale erano state perpetrate una serie di condotte delittuose da parte di 5 soggetti ritenuti responsabili, che sono stati prontamente segnalati alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata.
In particolare, i baschi verdi della Compagnia di Torre Annunziata hanno riscontrato la realizzazione di 2 discariche abusive di rifiuti, quasi tutti di natura speciale (anche di specie pericolosa), costituiti prevalentemente da materiali derivanti da costruzioni e demolizioni, ferro e altri imballaggi, che in parte erano stati anche imprudentemente dati a fuoco. Le discariche erano state ottenute dopo un’apposita operazione di disboscamento e l’ingente quantità di rifiuti ivi illecitamente sotterrati aveva determinato un notevole innalzamento e un innaturale rigonfiamento del terreno di circa 2 metri.
All’interno dell’area adiacente, gli operanti hanno riscontrato anche la presenza di 7 capannoni costruiti in assenza delle necessarie autorizzazioni e privi dei prescritti requisiti di sicurezza. All’interno di 2 di questi depositi di stoccaggio, in specie, sono stati scoperti oltre 380 mila confezioni di fitosanitari contraffatti (in prevalenza, pesticidi, antiparassitari e fungicidi) e recanti informazioni mendaci sulla loro qualità ed origine, provenienti dalla Cina e dalla Tailandia, sui quali sarebbero state indebitamente apposte le circa 200 mila etichette falsificate ivi rinvenute, in modo tale da spacciare le confezioni come prodotti originali di diverse famose case produttrici italiane ed estere (quali Bayer, Basf, Newpharm, ecc).
Sono in corso ulteriori accertamenti tecnici tendenti ad individuare le concrete caratteristiche organolettiche dei prodotti fitosanitari contraffatti e la loro effettiva composizione chimica per verificare la loro potenziale pericolosità per l’ambiente e i possibili profili di rischio del loro eventuale impatto nocivo sulla salute pubblica.
Mentre, in un altro capannone sempre presente nell’area in argomento sono state rinvenute oltre 500 bombole di gas, altamente infiammabili, detenute senza alcun rispetto delle norme di sicurezza ed in assenza del prescritto certificato prevenzione antincendi. Il risultato di servizio in parola testimonia ancora una volta il lavoro quotidianamente svolto dalla Guardia di Finanza di Napoli a contrasto dell’abusivismo commerciale, delle collegate manifestazioni illecite distorsive della concorrenza e del mercato nonche’ a tutela dell’ambiente e del territorio.


Torna alla Home


Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

“Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE