Napoli. C’era chi procacciava clienti, chi la consegnava e anche chi la custodiva nell’organizzazione di spacciatori sgominata dai di Casalnuovo che oggi hanno notificato quattro misure cautelari ad altrettante persone tra Casalnuovo, Casoria, e Lauro in provincia di Avellino. Le misure cautelari sono state emesse dal gip di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, nei confronti di Salvatore Aprea, 33enne, Marcella Selva, moglie di Aprea, 37enne gia’ detenuta nel di Lauro per reati in materia di stupefacenti, Agostino Aprea, 36enne e di Rosario Briglia Rosario, 40enne, questi ultimi già agli arresti domiciliari sempre per reati in materia di droga. I sono riusciti a ricostruire l’organigramma della banda, che operava dell’area a Est di e ad arrestate, in flagranza, sette persone, per reati in materia di stupefacenti. Identificati e denunciati, sempre per gli stessi reati, altre sette persone tra chi procacciava i clienti e chi custodiva e consegnava la droga.

LEGGI ANCHE  Napoli, apertura campi estivi. Carabinieri e Asso.Gio.Ca. insieme per i giovani
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Napoli, la serenata del cantante Alessio manda in tilt Bagnoli: musica fino a tarda notte senza alcun permesso

Notizia precedente

Violenze donne? In parrocchia i corsi di difesa personale

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..