Salerno, striscione anti-Salvini dei Gd: ‘Dove sono i 49 milioni?’

Salerno, striscione anti-Salvini dei Giovani democratici: “Dove sono i 49 milioni?”. La scritta è apparsa, questa mattina, su un balcone situato in Piazza Malta. Il dirigente Cirillo: “Dopo il video-selfie, l’hastag 49M, con i miei amici e compagni lanciamo questa ennesima dimostrazione di dissenso, in maniera civile e democratica Questa mattina tre militati dem, tra cui il dirigente Giancarlo Cirillo, hanno esposto uno striscione su un balcone nella centralissima Piazza Malta con scritto: “Dicci dove sono milione per milione e rimuoviamo lo striscione #49M”, il riferimento è all’inchiesta sui fondi che sarebbero sparito dalle casse del Carroccio. Intanto quelli del comitato ‘Questa Lega è una vergogna’ di Salerno tornano sulla vicenda dello striscione fatto togliere da un balcone durante la recente visita di Salvini. “Prendono provvedimenti e lo fanno in maniera sbagliata. A Salerno s’indaga su un nostro striscione”, affermano. E’ stato il primo finito nel mirino delle forze dell’ordine e fatto rimuovere poco prima dell’arrivo del vicepremier. A raccontare quanto accaduto quel pomeriggio è Ennio Riviello, coordinatore di Questa Lega è una vergogna. “Eravamo a casa della signora che ci ha ospitato quando, mentre stavamo sistemando lo striscione, ci siamo ritrovati davanti due agenti della Digos”. Riviello, insieme ad un altro attivista, si trovava all’interno dell’abitazione di una signora che aveva dato la disponibilità all’apposizione dello striscione rosso e bianco recante la scritta ‘Questa Lega è una vergogna’.

“La discussione con i due agenti è durata oltre 20 minuti, fino a quando abbiamo deciso di rimuovere lo striscione nel mentre gli uomini della Digos ci hanno anche identificati, compresa la padrona di casa”. Ispirato da una frase di una canzone Pino Daniele, il coordinamento ‘Questa Lega è una vergogna’ nasce in occasione della festa del Sud, poi annullata, della Lega a Campagna. Da allora il coordinamento raggruppa giovani antileghisti di Salerno e provincia. “Non ci fermeranno – annunciano – nessuna censura, nessuna rimozione di striscioni, nessun bavaglio. Questa Lega è una vergogna, diceva il nostro caro Pino, e noi lo diremo sempre con maggior voce”.

Gustavo Gentile

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati