Napoli, insulti contro l’equipaggio del 118 che stava soccorrendo un codice rosso: l’ambulanza era parcheggiata davanti al suo cancello

SULLO STESSO ARGOMENTO

“E mentre alcuni ci insultano per aver lasciato l’ambulanza davanti ad un cancello privato per soccorrere una persona in fin di vita……..a Via San Domenico Soriano succede questo….codice rosso ; persona che satura all’ 80% incosciente. L’equipaggio della postazione 118 del San Gennaro prosegue a piedi per una considerevole distanza! 11 minuti per arrivare sul posto (tempi standard per un rosso: 8 minuti)”. L’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate racconta dalla sua pagina facebook l’aggressione numero 32 dell’anno ai danni di medici, infermieri e personale di ambulanze: “

Erano circa le 12.30 di domenica, la postazione 118 del San Gennaro è stata allertata per un
tentato suicidio. La chiamata che arriva da via Foria è per un codice rosso. Parcheggiata l’ambulanza dinanzi ad un cancello di un parco privato l’equipaggio si è recato immediatamente presso il domicilio del paziente. Dopo appena due minuti qualcuno ha suonato “in maniera brutale il citofono dell’appartamento e dal balcone si sentono schiamazzi di persone”. L’autista scende subito per spostare l’ambulanza ma la persona che doveva uscire con l’auto ha iniziato ad inveire verbalmente contro lo stesso, utilizzando i peggiori epiteti ed affermando: ‘Tu non sai fare il tuo lavoro, devi
rimanere vicino l’ambulanza!”. L’associazione Nessuno tocchi Ippocrate coglie l’occasione per ribadire che “la qualifica di autista soccorritore prevede l’attiva presenza di quest’ultimo sull’intervento, sopratutto se si tratta di un codice rosso e che un mezzo del 118 in soccorso può fermarsi ovunque perché in ballo ñ ‘è la vita di una persona”. Purtroppo spesso capita che i comuni cittadini parcheggino in maniera selvaggia e siamo costretti a fare innumerevoli manovre, tardando il nostro arrivo o ancora peggio raggiungendo il luogo d’interesse dell’intervento a piedi. Come
accaduto in via San Domenico Soriano. Movida che ostacola il passaggio dei mezzi di soccorso, sosta selvaggia……ma dove siamo? Alcuni cittadini di questa bellissima città non sono minimamente paragonabili a nessun individuo sulla faccia della terra, persino nelle “favelas” sono più civili! Ed in tutto questo la città di Napoli ha un solo carro attrezzi che funziona h12! Possiamo lavorare in queste condizioni?”, si chiedono quasi rassegnati.


Torna alla Home


Oroscopo di oggi 15 aprile 2024

Oroscopo di oggi 15 aprile 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete (21 marzo - 19 aprile): Potresti sentirti particolarmente energico ed entusiasta oggi. Questa è una grande giornata per iniziare nuovi progetti o per fare progressi significativi nei tuoi obiettivi attuali. La tua creatività sarà al top,...

Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

“Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE