Il boss confessa in aula: ‘Ci fu la trattativa con i carabinieri per far consegnare il killer del tenente Pittoni&...

SULLO STESSO ARGOMENTO

Non è la trattativa Stato-Mafia di Palermo ma a livello napoletano è una trattativa inquietante tra la camorrastragista quella del clan Gionta di Torre Annunziata e un pezzo di Stato corrotto: una parte dei carabinieri del comando gruppo di Torre annunziata. A raccontarla ieri nell’aula del Trubunale di Torre Annunziata, è stato il boss Francesco Casillo,detto a vurzella, noto narcotrafficantedel Piano Napoli di Boscoreale con legami con i clan di Secondigliano. Il boss ha raccontato i suoi legami e i suoi affari con un pezzo di Stato corrotto. E tra gli episodi citati c’è stato quello dell trattativa avvenuta il 6 giugno del 2008 durante le concitate fase delle indagini seguite alla rapina sfociate nel sangue all’ufficio postale di Pagani dove fu ucciso il tenente dei carabinieri Marco Pittoni. Quel giorno il clan Gionta si rivolse a lui per nascondere Carmine Maresca, appena 16enne e figlio del killer giontiano Luigi ‘o trippone, e che era colui che aveva ucciso Pittoni nel corso della rapina. “Chiesi a Orazio Bafumi 8uno dei suoi fedelissimi ndr) di accompagnarlo a Sabaudia. Poi i carabinieri vennero da me, trattai con Palazzo Fienga e alla fine, tramite un affiliato, ottenni il nulla osta da Gemma Donnarumma, la moglie di Valentino Gionta. Parlai con la mamma del ragazzo e lo feci consegnare”. Il boss oltre all’episodio della trattativa, come riporta Il Mattino, ha anche parlato di due episodi di corruzione. Quello in cui ha tirato in ballo il maresciallo Francesco Vecchio, oggi in congedo, assolto in abbreviato: “Lui e Desiderio irruppero in un ristorante di Napoli per arrestare Vincenzo Pisacane, un latitante del clan Gionta. Eravamo al tavolo insieme con i suoi avvocati, ma promisi a Vecchio 40mila euro per non arrestarmi di nuovo, ero stato appena scarcerato. Mi fece andare a casa senza problemi”. Una versione confermata anche dai verbali dell’arresto di Pisacane, ritenuto il cassiere dei Gionta in cui il nome di Casillo non compare mai.
Poi ha raccontato del maxi sequestro di droga nel porto di Napoli. A gennaio 2009, ha raccontato Casillo, “per far fare bella figura ai carabinieri mi accordai con i carabinieri per far ritrovare un container carico di cocaina e chiede la restituzione di metà della droga. Erano 300 chili me ne hanno restituiti solo 66”.






LEGGI ANCHE

Forio, arrestato pusher 31enne

Nel corso dei controlli pomeridiani a Forio, sull'Isola d'Ischia, la Polizia di Stato ha arrestato un 31enne in possesso di droga. Durante un'ispezione presso l'abitazione...

Camaldoli, ruba grate in ferro da una proprietà del Comune: arrestato

Arrestato un uomo nella zona dei Camaldoli per furto di grate in ferro di proprietà del Comune di Napoli. Gli agenti del Commissariato Arenella hanno...

‘Stato di Grazia’ arriva a Salerno il 22 febbraio al Cinema Teatro Delle Arti

"Stato di Grazia" al Cinema Teatro Delle Arti di Salerno il 22 Febbraio Il docufilm "Stato di Grazia" racconta la storia di Ambrogio Crespi,...

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE