Napoli. Condanna bis per i tre che aggredirono il 17enne napoletano che rischiò di morire sgozzato. La Corte d’Appello del Tribunale per i di ha condannato tre componenti della baby gang a 9 anni e tre mesi di reclusione, confermando la pena inflitta in primo grado. fu aggredito il 18 dicembre di due anni fa in via Foria mentre tornava a casa, probabilmente anche per rapinargli il cellulare che aveva in tasca. I tre furono individuati grazie alle telecamere di videosorveglianza. Finirono in carcere a Nisida un 15enne soprannominato ”o nano’ che poi ha avuto la concessione della comunità, un 17enne, figlio di un uomo che uccise uno studente nel corso di una rapina a Napoli e poi morì suicida in carcere negli anni Duemila e un terzo ragazzo di 16 anni, il primo che ha poi ammesso di aver partecipato al raid, accusando gli altri, che poi hanno confessato. Dalle indagini e dal processo è emerso che faceva parte del branco un quarto ragazzo, all’epoca 12enne, figlio di un boss del Rione Sanità. 
L’aggressione ebbe una grande eco mediatica, con iniziative di solidarietà e manifestazioni, per denunciare la violenza delle baby gang. La mamma di Arturo, Maria Luisa Iavarone, ha partecipato negli ultimi due anni a numerose iniziative.

Baby gang, condanna bis per i tre minori che accoltellarono Arturo a Napoli: nove anni e tre mesi di carcere
di Redazione per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

de Magistris: ‘Il mio successore? Lo scegliamo quest’estate’

Notizia precedente

Rapine nelle tabaccherie: fermata la baby gang

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..