Torre del Greco. I carabinieri della Compagnia di Torre del Greco hanno arrestato Antonio Gaiezza, 41 anni, ritenuto dagli inquirenti uno scissionista del clan Falanga-Di Gioia. L’uomo era irreperibile dall’ottobre 2018 perché sfuggito a un ordine di carcerazione emesso dalla procura di Napoli dopo condanna a 6 anni e 3 mesi di reclusione per associazione a delinquere di tipo mafioso.
I militari lo hanno localizzato a Torre del Greco, in sella a uno scooter guidato da un 21enne incensurato di Boscotrecase.
Dopo aver riconosciuto il passeggero Antonio Gaiezza, i carabinieri si sono messi all’inseguimento dei due, che si sono dati alla fuga alla vista dei militari. Nonostante il tentativo di scappare sono stati raggiunti e bloccati lungo la via Panoramica.
Gaiezza è stato ammanettato e condotto in caserma, dove i carabinieri hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione a suo carico e lo hanno condotto nel centro penitenziario di Secondigliano.
L’autista dello scooter è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

Richiesta di denaro extra ad un giovane disabile di Capri per fornire la carrozzina pagata dall’Asl

Notizia Precedente

Napoli, scoperto il pusher dei giardinetti: è un 15enne di Marano che contattava i clienti via chat

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..