Tifoso morto, ultrà napoletano interrogato: “Il corpo era già a terra, non l’ho investito”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Milano. “Il corpo era già a terra non l’ho investito”: uno dei giovani ultrà interrogato stamane a Milano per la morte di Daniele Belardinelli si è difeso così dinanzi al pm Michela Bordieri che lo ha interrogato presso la questura di Milano. Stamane, sono stati convocati i tre ultras del Napoli, che erano in auto la sera del 26 dicembre a Milano per assistere alla partita Inter-Napoli. Nei giorni immediatamente successivi alla vicenda proprio nel capoluogo partenopeo era stata sequestrata un’auto sospettata di essere quella che ha schiacciato il tifoso del Varese rimasto vittima. “Non l’ho investito io, quando sono passato il corpo era già a terra, io sono passato dopo l’investimento”. Ha detto l’indagato che era alla guida dell’auto quella sera in via Novara, assistito dall’avvocato Emilio Coppola. Il giovane, indagato per rissa aggravata e omicidio volontario (reati contestati a tutti gli indagati nell’inchiesta), si è difeso. Era alla guidava di un’Audi con a bordo altri amici ultras, come ha spiegato l’avvocato, oggi “ha ribadito la versione” resa davanti agli investigatori a Napoli, ossia che la sua macchina passò dopo l’investimento e lui vide “il corpo già a terra”. E ha fornito, secondo il difensore, anche “una serie di precisazioni”, chiarendo che “mai avrebbe potuto immaginare l’agguato dei tifosi interisti prima di arrivare allo stadio”. Sono stati ascoltati anche gli altri passeggeri dell’Audi ma, ha aggiunto il legale, “come persone informate sui fatti”. L’Audi, ha spiegato ancora l’avvocato, “è stata consegnata spontaneamente alla polizia dal mio assistito il 7 gennaio scorso”. Le indagini si stanno concentrando sull’Audi e su un’altra macchina, una Renault Kadjar, ma l’autista di quest’ultima, da quanto è stato riferito, non si è presentato per rendere l’interrogatorio. Il 4 febbraio scorso, a Napoli si sarebbero dovuti svolgere gli accertamenti tecnici irripetibili sulle cinque auto sequestrate, ma i legali hanno chiesto al gip di effettuare le analisi scientifiche con la formula dell’incidente probatorio e includendo anche una macchina della polizia che era in via Novara quella sera. Incidente probatorio, ha concluso il legale, “che deve essere ancora fissato”.


Torna alla Home


Francesco Benigno è stato squalificato dall'Isola dei Famosi dopo meno di una settimana. La produzione del reality ha comunicato la decisione con una nota ufficiale, senza specificare i "comportamenti non consoni e vietati dal regolamento" che hanno portato all'espulsione dell'attore. Benigno, dal canto suo, ha duramente contestato la squalifica sui...
Nel corso del terzo tentativo di arbitrato per dirimere la controversia sul pagamento di 19,5 milioni di euro di stipendi arretrati spettanti a Cristiano Ronaldo, l'ex stella della Juventus ha finalmente ottenuto giustizia al di fuori delle aule di tribunale. Il collegio arbitrale incaricato di risolvere la questione, composto...
Le indagini sulla presunta partecipazione a scommesse illegali nel calcio hanno portato a conseguenze serie per quattro giocatori, attualmente o ex del Benevento Calcio, che rischiano una squalifica di tre anni. Gaetano Letizia, Francesco Forte, Enrico Brignola e Christian Pastina sono i nomi coinvolti nel caso, che ha scosso...
Il 10 maggio a Giffoni Valle Piana l'ottava edizione Leonardo 2024 a Giancarlo Giannini. Per la prima volta l’attore sarà premiato non solo perché simbolo del cinema italiano ma come progettista tecnico. Presentano Pino Strabioli e Alba Parietti. Tema la luna: interverrà Giani Togni. I premiati: per la Divulgazione Scientifica Alberto Luca Recchi per...

IN PRIMO PIANO