Il boss fa il digiuno per protesta contro il carcere duro e il figlio: ‘Perché li trattano come animali?’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Li stanno trattando come bestie. Li faranno prima morire? Mio padre è diabetico e non sta mangiando e non sta prendendo medicine. Sono preoccupato per la sua salute”. A parlare è Diego Cimmino, figlio del boss del Vomero, Luigi, detenuto nel carcere di Tolmezzo e che da una settimana insieme con altri 7 detenuti tra cui l’altro boss , Pasqulino Puca detto o’ minorenne, ha indetto lo sciopero della fame. I detenuti protestano perché nonostante siano soggetti destinati in casa lavoro sono invece detenuti al 41 bis. Il 9 gennaio scorso Luigi Cimmino avrebbe terminato la sua condanna a 3 anni e sei mesi di carcere. Cimmino dovrebbe scontare altri due anni di Casa lavoro per fare socialità e lavorare ma è stato ritenuto ancora pericoloso in base ad alcune informative della Dda di Napoli. Lui come gli altri si trova ancora al 41bis e per questo che hanno deciso di fare lo sciopero della fame. Tra l’altro lo stesso Cimmino qualche anno fa di definì “lontano” dalla nuova camorra. Una sorta di dissociazione che gli valse in Appello la riduzione di metà della pena ormai scontata. “Ha pagato la sua pena e le sue colpe perché accanirsi contro di lui?”, spiega ancora il figlio Diego. Che poi dice: “Io mi alzo tutti i giorni per andare a lavorare e non posso sopportare di vedere mio padre spegnersi lentamente. Ma queste persone non dovrebbero essere recuperate? Perché continuano a trattarli come animali? Io non chiedo favori o altro e non dico che mio padre non deve fare gli ultimi due anni di detenzione. Ma almeno che gli sia concesso di accedere alla casa lavoro. Sono disposto a fare anche azioni di protesta clamorose. Ma chiedo che mio padre venga trattato come un detenuto non come un animale”


Torna alla Home


Miglioramento dell’organizzazione dei taxi a Piazza Garibaldi a Napoli

Riunione per ottimizzare il servizio taxi Il prefetto di Napoli, Michele Di Bari, ha guidato una riunione al Palazzo di Governo per discutere delle problematiche legate alla logistica dei taxi presso la stazione ferroviaria di Piazza Garibaldi. Presenti l'assessore alla Legalità e Polizia locale del Comune di Napoli, rappresentanti...

In ospedale 3 studenti e 2 insegnanti di Salerno in gita a Montecatini

Tre studenti e due insegnanti, facenti parte di una comitiva in gita scolastica da Salerno e che alloggiavano in un albergo di Montecatini Terme (Pistoia), sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso di Pescia (Pistoia), perché accusavano disturbi gastrointestinali a carattere acuto. E' quanto reso noto dall'Asl Toscana...

Marcianise, incastrato in rulli bobina: muore operaio

Tragedia sul lavoro nel Casertano. Non ce l'ha fatta l'operaio di 53 anni che ha perso la vita in un'azienda nella zona industriale di Marcianise. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, lo scorso 11 aprile la vittima, di Casoria (Napoli), stava effettuando lavori di manutenzione su una ribobbinatrice...

Napoli, evaso dal carcere di Nisida: 19enne preso ai Quartieri Spagnoli

Durante un'operazione della Polizia di Stato, un giovane di 19 anni è stato arrestato per evasione. Gli agenti della Squadra Mobile hanno intercettato il giovane mentre tentava di fuggire su uno scooter. Dopo un breve inseguimento, è stato catturato e si è scoperto che era evaso il 3 aprile scorso...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE