Bagno abusivo alla Certosa di Padula, i carabinieri sequestrano l’area

SULLO STESSO ARGOMENTO

Padula. I carabinieri hanno posto sotto sequestro preventivo una superficie, di circa 30 metri quadri, ubicata nella corte esterna della Certosa di San Lorenzo in Padula. I sigilli sono stati apposti a seguito di lavori edili di ripristino di un bagno ubicato nei pressi della biglietteria del complesso monumentale certosino. Sulla vicenda sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri della Compagnia di Sala Consilina e dell’ufficio tecnico del comune di Padula.


Torna alla Home


La Guardia di Finanza ha segnalato 47 parcheggiatori abusivi tra Napoli e la provincia

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nell'ambito di un'ampia operazione di contrasto all'economia illegale, hanno individuato e segnalato alle Autorità competenti 47 persone che svolgevano abusivamente l'attività di parcheggiatore o guardiamacchine. L'operazione, condotta in sinergia con le direttive del Prefetto di Napoli, Dr. Michele Di...

Acerra, incendia un’auto e poi si ferma a guardare il rogo: arrestato

Antonio Bruno, residente ad Acerra, è stato arrestato dai Carabinieri della locale stazione per il presunto incendio doloso di un'auto. L uomo di 40 anni, è attualmente detenuto nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio. Una vettura Audi A4 è stata trovata avvolta dalle fiamme lungo corso Italia ad...

Villaricca, scatta l’allarme del braccialetto elettronico e lo trovano con droga: arrestato

A Villaricca, un giovane di 18 anni, Arsenio Ascione, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai carabinieri locali per detenzione di droga a fini di spaccio. Il ragazzo era agli arresti domiciliari e quando è scattato l'allarme del suo braccialetto elettronico, i militari hanno deciso di intervenire per...

Napoli, processo crollo Galleria Umberto: due imputati rinunciano alla prescrizione

Due dei cinque imputati nel processo d'appello sulla tragedia della Galleria Umberto I di Napoli, accaduta il 5 luglio 2014, hanno deciso di rinunciare alla prescrizione. In quella tragica giornata, lo studente quattordicenne Salvatore Giordano, residente a Marano di Napoli, perse la vita a causa delle gravi ferite riportate quando...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE