“Almeno il 35 per cento dei commercianti di BENEVENTO paga il pizzo, il 40% ha avuto richieste estorsive, mentre nel 2018 la percentuale delle denunce rasenta lo 0%”. E’ questa la ‘fotografia’ del Sannio in base alle indagini condotte dall’associazione antiusura e antiracket “Alilacco” che oggi ha presentato una campagna di sensibilizzazione sul tema. Ad illustrarla e’ stato il presidente di Alilacco Amleto Frosi: “Il Sannio e’ un territorio vessato dalla criminalità anche casertana. Un commerciante su tre ha avuto a che fare con l’usura. Si paga mensilmente ma vengono subite anche estorsioni ‘una tantum'”. Frosi ha anche preannunciato una nuova campagna volta a promuovere la denuncia da parte di imprenditori e titolari di attività commerciali del Sannio e far conoscere gli strumenti normativi ed economici che lo Stato mette a disposizione contro usura ed estorsione. L’iniziativa, che vede anche l’istituzione del numero verde per rompere il silenzio e la paura della denuncia 800406600, partirà lunedì prossimo con manifesti e camper su BENEVENTO, Telese Terme, Montesarchio e Sant’Agata de’ Goti.



Pubblicità'

Papà si oppone all’amore gay della figlia, la fidanzata per vendetta lo denuncia per violenza sessuale

Notizia Precedente

Napoli, intervento mini invasivo su 14enne affetta gigantismo

Prossima Notizia