Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Italia

Organizzavano viaggi di clandestini in Sicilia: 15 arresti, uno era il cassiere dei terroristi legati all’Isis

Pubblicato

in

radicalizzatore islam


Con 2.500 euro era possibile raggiungere le coste trapanesi partendo dalla Tunisia a bordo di gommoni veloci: era il metodo usato dall’organizzazione criminale scoperta dai carabinieri del Ros che hanno eseguito 15 fermi per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e istigazione al terrorismo. Per i pm di , che hanno disposto i fermi, la banda rappresenta “una minaccia alla sicurezza nazionale perche’ in grado di fornire un passaggio marittimo sicuro e celere particolarmente appetibile per persone ricercate dalle forze di sicurezza tunisine o sospettate di connessioni con formazioni terroristiche”.Istigava al terrorismo, invocava la morte in nome di Allah e faceva apologia dello Stato islamico uno dei tunisini fermati dai carabinieri del ROS che hanno scoperto una organizzazione criminale che gestiva viaggi a bordo di natanti veloci di piccoli gruppi di migranti tra la Tunisia e l’Italia. Sul profilo FaceBook del fermato sono state trovate video e foto che inneggiavano all’ e con immagini di decapitazioni.L’inchiesta, coordinata dalla Dda di Palermo guidata da Francesco Lo Voi, nasce dalla collaborazione con gli inquirenti di un tunisino coinvolto nell’attivita’ della banda. L’uomo ha deciso di parlare per evitare, ha detto agli inquirenti, che ci si ritrovasse con “un esercito di kamikaze in Italia”, raccontando di essere a conoscenza dell’esistenza di una organizzazione criminale che gestiva un traffico di esseri umani, contrabbandava tabacchi e aiutava ad espatriare soggetti ricercati in Tunisia per reati legati al terrorismo. Nel profilo Facebook del fermato accusato di apologia all’ sono stati trovati video di esecuzioni capitali fatte dal boia di Daesh noto come Jihadi John. E’ stato anche scoperto materiale propagandistico delle attivita’ di gruppi islamici di natura terroristica come preghiere, scritti, ordini, istruzioni e video con scene di guerra, immagini di guerriglieri, discorsi propagandistici e kamikaze presi dalla rete. Scoperti anche suoi contatti con profili di altri estremisti islamici. L’arrestato era uno dei cassieri dell’organizzazione e gli inquirenti sospettano che abbia usato il denaro guadagnato coi viaggi nel Canale di Sicilia anche per finanziare attivita’ terroristiche.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Scuola: il 22 ottobre via ai concorsi per 32mila precari. Entro il 2020, prove preselettive per il concorso ordinario destinato a 46 mila neolaureati.

Pubblicato

in

La Ministra Azzolina ha indicato le date relative alle prove concorsuali per il reperimento complessivo di 78mila insegnanti. Il 22 ottobre si inizierà con la selezione straordinaria riservata a professori precari che hanno svolto tre anni di servizio.

La selezione continuerà fino a metà novembre, con lo scopo di velocizzare il processo di inserimento ed avere, in questo modo, 32mila vincitori già presenti nelle scuole a partire da settembre 2021. Al termine del 2020, si prevede, inoltre, l’avvio dei due concorsi ordinari da 46mila posti per la scuola d’infanzia e primaria e per le secondarie di primo e secondo grado, con l’obiettivo deli Ministero dell’Istruzione di chiudere almeno la prova preselettiva entro l’anno in corso.
Il calendario delle prove sarà pubblicato ufficialmente, con ogni probabilità, entro oggi, attraverso un’informativa ai sindacati. Per Domani, è prevista la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’avviso pubblico, in cui si potranno conoscere ufficialmente le date del concorso straordinario, originariamente previsto in estate e rinviato in autunno per le preoccupanti condizioni sanitarie.

Il 22 ottobre si partirà, dunque, con le prove, che si terranno fino a metà novembre. Al fine di rispettare le norme di prevenzione della diffusione del virus, si ricorrerà all’utilizzo di sale informatiche delle scuole coinvolte e degli atenei che si sono resi disponibili.
Durante le giornate in cui si svolgeranno le prove, i partecipanti al concorso saranno tenuti al rispetto delle misure di distanziamento e al controllo della temperatura. Non potranno accedere coloro i quali presenteranno sintomatologie respiratorie in atto o una temperatura superiore ai 37.5 gradi, non prevedendo per tali esclusi alcuna prova suppletiva.
La prova concorsuale sarà unica e si svolgerà attraverso l’utilizzo di un Pc, senza che siano previste prove preselettive. Il candidato dovrà rispondere a cinque domande a risposta aperta e ad un quesito in inglese, tutte volte ad accertare le competenze disciplinari e didattiche. La durata della prova sarà di 150 minuti, con un punteggio minimo per il superamento di 7/10.
In seguito, saranno formate graduatorie regionali di merito, attraverso cui saranno assegnate 32 mila cattedre alle medie e alle superiori (tra posti comuni e sostegno), disponibili in base all’articolazione territoriale.

Marco Barbato

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette