Omicidio Mario Di Lorenzo, arrestati due esponenti del clan Mallardo

La Dia di Napoli ha dato esecuzione a una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal gip partenopeo per Francesco Napolitano e Michele Olimpio, elementi apicali del clan Mallardo, per l’omicidio di Mario Di Lorenzo, avvenuto a Giugliano il 12 ottobre 1996. Napolitano e’ gia’ detenuto nel carcere di Parma al regime del 41 bis in esecuzione di una condanna definitiva per il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso ed e’, per gli inquirenti, il reggente della cosca e prossimo alla scarcerazione; a lui viene in particolare contestato di essere stato il mandante dell’omicidio, deciso a seguito delle reiterate violazioni alle regole dell’organizzazione camorristica da parte di Di Lorenzo. Olimpio e’ stato l’esecutore materiale del delitto insieme a Filippo Caracallo, un affiliato ai Mallardo diventato collaboratore di giustizia nell’aprile 2018, per il quale si e’ proceduto separatamente. Anche Olimpio e’ gia’ in carcere a Voghera per una pena di trent’anni di reclusione per omicidio aggravato, quello di Luigi Giglioso, luogotenente di Giovanni Alfano, all’epoca a capo del gruppo egemone nel quartiere di Napoli di Posillipo, un agguato del 18 settembre 1997. Proprio i racconti di Caracallo hanno permesso di ricostruire la dinamica dell’omicidio, di individuare gli esecutori dello stesso ed il contesto criminale in cui era maturato, e hanno trovato riscontro in attivita’ tecniche svolta dalla Dia. Olimpio, inoltre, preoccupato del possibile pentimento del Caracallo, aveva deciso di parlargli convocandolo a Busano dove all’epoca era in regime di detenzione domiciliare; Caracallo invece preferi’ presentarsi dai carabinieri a Giugliano manifestando la sua volonta’ di collaborare con la giustizia. Napolitano, inoltre, che sarebbe stato scarcerato tra un mese circa, secndo gli inquirenti avrebbe ripreso la reggenza dei Mallardo.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati