Il pizzaiolo di Terra Mia vittima di un attentato a Forcella: “Tutti vicini, poi la gente ha smesso di venire”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. La bomba a Gino Sorbillo lo ha riportato indietro nel tempo, poco tempo fa, ma quel che basta per capire che non è più come prima. Mario Granieri, il titolare di Terra Mia, la pizzeria a pochi passi dal Duomo di Napoli dove il 4 gennaio scorso furono esplosi 4 colpi di pistola contro la porta, racconta il post solidarietà. “Dopo l’intimidazione ci sono stati tutti vicini, ma poi la gente del quartiere ha smesso di venire da noi e gli affari cominciano a calare”. Un racconto amaro, un attentato simile a quello nei confronti di Gino Sorbillo, non una bomba ma colpi di pistola. “Il giorno dopo – racconta Granieri – si avvicinarono due motorini con quattro persone con i caschi integrali e mi dissero di non chiamare la polizia perchè la zona è loro. Poi venne un giovane del quartiere che mi disse che dovevo pagare per avere la tranquillità per me e mia moglie che lavora con me. Io ho fatto la denuncia, perchè i soldi che guadagno servono per i miei figli e per pagare il finanziamento che mi è stato dato dalla banche”. Granieri ieri non ha aperto la sua pizzeria “perchè – dice – ho grande stima di lui e volevo testimoniargli la mia vicinanza”. Granieri conosce bene il quartiere: “Sono cresciuto in strada – racconta – con tanti amici che poi si sono persi, hanno fatto scelte diverse e oggi sono morti o in prigione. Io ho scelto il lavoro, sono un piccolo commerciante. E’ chiaro che ho paura ma non lascerò il mio quartiere anche se in tanti che venivano qui a comprare la pizza da asporto non vengono più, forse perchè hanno paura”. Il pizzaiolo fotografa la situazione del centro storico: “Qui anche grazie al boom turistico – dice – in tanti lavoriamo e cresciamo. Ma resta una parte di napoletani che se ne frega, si svegliano di pomeriggio e vogliono guadagnare soldi facili, non gli importa del lavoro nuovo che può arrivare dal turismo. Sono un tumore in una città in cui c’è tanta brava gente”.


Torna alla Home


Si è spento a Roma all'età di 88 anni Italo Ormanni, magistrato di lungo corso e figura di grande spessore culturale. Noto al grande pubblico per la sua partecipazione al programma televisivo "Forum", Ormanni ha dedicato la sua vita alla lotta contro la criminalità e alla valorizzazione del patrimonio...
Nessun '6' né '5+1' all'estrazione del Superenalotto di oggi. Centrato un '5' che vince 129.050,31 euro. Il jackpot per il prossimo concorso sale 92.800.000 euro. Questa la combinazione vincente del concorso di oggi del Superenalotto: 9, 18, 65, 70, 75, 87. Numero Jolly: 53. Numero SuperStar: 81. Queste le quote del...
Secondo quanto emerso da un incontro in Prefettura a Bologna, serviranno circa tre mesi per svuotare l'acqua dalla centrale idroelettrica di Bargi sul lago di Suviana, situata nell'Appennino tosco-emiliano. Il prefetto Attilio Visconti ha dichiarato che, se tutto procede come previsto, lo svuotamento potrebbe avvenire entro la fine di luglio,...
Eseguito dal prof. Giovanni Muto, medico campano, si tratta della prima cistectomia radicale in paziente mono-rene, con asportazione del tumore per via vaginale, mediante il robot Hugo A Maria Pia Hospital di Torino è stato eseguito un intervento di chirurgia robotica senza precedenti. Per la prima volta al mondo è...

IN PRIMO PIANO