Dirigenti della Juve Stabia aggrediti in tribuna a Viterbo e costretti ad accomodarsi in curva insieme con i tifosi

Dirigenti della Juve Stabia aggrediti in tribuna a Viterbo e costretti ad accomodarsi in curva insieme con i tifosi per motivi di ordine pubblico. La società stabiese stigmatizza con una nota il comportamento della dirigenza della squadra locale. Per la cronaca la squadra stabiese ha vinto la gara per 4 -0 continuando la sua corsa solitaria in  vetta alla classifica del grone C della serie C. Ecco la nota della società: “La Juve Stabia da sempre si è contraddistinta, indipendentemente dai risultati calcistici, per l’ospitalità e l’accoglienza nei confronti delle dirigenze delle squadre avversarie che si sono recate allo Stadio “Menti” di Castellammare di Stabia. Mai nessuna società ospite ha avuto modo di denunziare rischi per la propria incolumità fisica. Lo stesso comportamento, caratterizzato dal rispetto delle persone, è stato riservato alla dirigenza della Viterbese, nel corso della gara di andata.
La  Juve Stabia, con grande rammarico, è costretta ad evidenziare che la propria dirigenza, presente quest’oggi sugli spalti dello Stadio “Enrico Rocchi” di Viterbo, dopo alcuni minuti dall’inizio della gara, per motivi di ordine pubblico, essendo stata aggredita dagli occupanti della stessa, è stata invitata ad abbandonare la tribuna dello stadio per accomodarsi nel settore ospiti, con grave disagio viste le avverse condizioni meteo.
Tanto per la necessaria conoscenza ed al fine di sensibilizzare, chi di dovere, a porre in essere i necessari accorgimenti affinché, in futuro, si possa evitare il verificarsi di analoghi comportamenti”.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati