Napoli, formiche all’ospedale San Giovanni Bosco, il dg Forlenza chiede alla magistratura di accertare le responsa...

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il direttore generale della Asl Napoli 1 Centro, Mario Forlenza, ha presentato ai carabinieri del Nas un esposto relativo alla chiusura temporanea del pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli per la presenza di formiche lo scorso 19 dicembre. Forlenza chiede che “siano effettuate le tutte le opportune verifiche e indagini circa quanto accaduto”. La vicenda, secondo Forlenza, “va approfondita perche’, dopo l’episodio della paziente coperta da formiche del 10 novembre, fu dato mandato al Dipartimento di Prevenzione di assumere ogni utile iniziativa d’intesa con il direttore sanitario del Presidio ospedaliero San Giovanni Bosco per avviare interventi di radicale disinfestazione e bonifica dei locali, e alla struttura tecnico-manutentiva un’urgente manutenzione ordinaria con interventi da effettuarsi nei reparti di degenza secondo un preciso cronoprogramma. Siccome tali interventi sono stati fatti per quasi tutti i reparti, risulterebbe strano che, nonostante gli interventi di disinfestazione e bonifica, la problematica si sia ripetuta”. Vanno dunque, aggiunge, “bene accertate le modalita’, la tempistica e le responsabilita’ con cui si e’ proceduto alla chiusura temporanea del Pronto soccorso e se cio’ sia stato fatto nel rispetto delle normative le quali prevedono che l’interdizione di una struttura di un presidio ospedaliero, sia essa una stanza, un reparto, un’intera ala del presidio, e’ di esclusiva competenza della Direzione sanitaria presidiale che si assume la totale responsabilita’ dell’iniziativa, e tale procedura puo’ anche essere intrapresa anche su indicazione del personale afferente allo stesso presidio”. Tale “accertamento – spiega il top manager – e’ fondamentale perche’ quello che ha fatto notizia con ampia eco mediatica e’ stato il fatto che si sia chiuso, ancorche’ temporaneamente, il Pronto soccorso. Pertanto il provvedimento di interdizione di una qualsivoglia struttura di un Presidio ospedaliero da parte di altri, non all’uopo delegati, dovrebbe ritenersi sicuramente un atto illegittimo”. Infine, “e’ noto che da anni al San Giovanni Bosco non e’ stata fatta alcuna manutenzione straordinaria ed e’ per tale motivo che la Asl ha richiesto al ministero della Salute, tramite la Regione Campania, fondi per circa 7,8 milioni di euro per una manutenzione straordinaria sia esterna che interna. Dalla richiesta, pero’, sono passati ben 8 mesi senza alcun riscontro”, conclude.






LEGGI ANCHE

A Sorrento spunta il gelato al gusto “Ferragnez” ideato da Antonio Cafiero

Il gelato al gusto "Ferragnez" è la nuova creazione del pasticcere Antonio Cafiero, esposto nella vetrina della Pasticceria Primavera a Sorrento. Questo gelato speciale, dedicato...

Salerno, un lupo salvato dai bracconieri

Un giovane lupo di circa 2 anni è stato tratto in salvo dai Carabinieri del Reparto Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e...

Tentativo di furto di attrezzi agricoli a Benevento: due uomini denunciati

In provincia di Benevento, i carabinieri di San Salvatore Telesino hanno denunciato due uomini della provincia di Caserta per il tentativo di rubare attrezzature...

Camorra: stesa a Pianura contro la casa del boss Antonio Carillo

Napoli. Prima l'incendio di uno scooter parcheggiato in strada e poi una stesa di avvertimento. Torna la paura, tornano gli spari in via Evangelista...

Tre omicidi in 10 giorni, maxi blitz a Castellammare e Torre Annunziata

Tre omicidi in 10 giorni, un fermo e un maxi blitz a Castellammare di Stabia e Torre Annunziata.E' questo il bilancio della recrudescenza di...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE