Seguici sui Social

Caserta e Provincia

Il pentito Nicola Schiavone: ‘Cosentinò incontrò mio padre e gli chiese i voti per essere eletto’

PUBBLICITA

Pubblicato

il


Anche grazie all’aiuto di Nicola Cosentino fu possibile inserire nel piano regolatore di Casal di Principe  una enorme superficie, pari a circa 100mila quadrati, da destinare alla realizzazione del nuovo centro commerciale “Il Principe” – mai costruito – sul quale si stavano concentrando gli interessi del clan dei Casalesi. A riferirlo e’ il collaboratore di giustizia Nicola Schiavone, figlio di Francesco Schiavone, detto “sandokan”, boss del clan dei Casalesi. Le sue dichiarazioni, rese nei mesi scorsi ai magistrati della Dda di Napoli, Fabrizio Vanorio e Sandro D’Alessio, sono state depositate dal sostituto procuratore della Corte d’Appello di Napoli,  Carmine Esposito, il 27 novembre, durante l’udienza del processo di secondo grado noto con il nome “Il Principe e la Scheda Ballerina”, in cui Cosentino e’ imputato insieme con altre persone per la vicenda della realizzazione del centro commerciale voluto dal clan dei Casalesi; il processo e’ stato rinviato a febbraio 2019, per consentire ai difensori delle varie parti di prendere visione dei verbali. Nicola Schiavone – detenuto ad Ariano Irpino  – riferisce fatti di sua conoscenza, avendo guidato il clan per almeno sei anni fino al 2010, quando fu arrestato. Nella prima fase, tra gli anni 2002 e 2003, prima di assumere la reggenza del clan, Schiavone junior racconta che ad occuparsi dei piani e dei permessi urbanistici, “furono a livello politico Nicola Consentino, il quale, con l’appoggio di Giuseppe Russo (boss dell’omonima famiglia mafiosa, ndr) e di Francesco Schiavone, detto “cicciariello” (lo zio di Nicola, ndr) si adopero’ per l’approvazione di un nuovo piano regolatore generale che prevedeva una enorme superficie e cubatura al servizio del nuovo centro commerciale, oltre 100mila metri quadrati”. Il tutto, sottolinea l’ex boss, avvenne grazie alla collaborazione di dirigenti e tecnici comunali, tra cui anche una persona che aveva ricoperto la carica di assessore all’Urbanistica. L’ampliamento, spiega il pentito, era a tal punto macroscopico da danneggiare addirittura “i bisogni abitativi della popolazione che, in molti casi, aveva bisogno di surplus di cubatura o di sanatorie per volumi in piu’ realizzati abusivamente”. Nicola Schiavone riferisce anche di avere saputo da un funzionario ed ex assessore di quel comune, che Cosentino era riuscito ad ottenere anche un cambiamento di destinazione urbanistica – da agricola a industriale, o commerciale – di alcuni terreni acquistati da suoi familiari adiacenti allo stabilimento di famiglia Aversana Petroli. Il collaboratore di giustizia racconta anche di essersi lamentato del fatto che i politici coinvolti nella vicenda avessero pensato principalmente “ai propri affari”, ma l’ex assessore replico’ che era questo l’ accordo sulla spartizione urbanistica stipulato tra il boss Giuseppe Russo (fratello della moglie del fratello di Nicola Cosentino, ndr), Francesco Schiavone (lo zio di Nicola, ndr) e Nicola Cosentino. Nicola Schiavone, rispondendo alle domande dei pm antimafia di Napoli, ripercorre anche le tappe della genesi del rapporto tra l’ex sottosegretario all’economia e il clan dei casalesi, iniziati con il padre del collaboratore di giustizia, il boss Francesco Schiavone noto come “Sandokan”. Nicola Schiavone, pero’, sottolinea anche di avere appreso quelle informazioni da alcuni esponenti del clan, quindi non direttamente. “A cavallo tra gli anni ’80 e ’90 Cosentino – dice – in procinto di partecipare a una competizione elettorale…chiese a mio padre, tra gli anni 80/90, di essere appoggiato dal clan. Mio padre concesse il suo appoggio, ma non ricordo se sia stato eletto o meno”. Secondo Nicola, il boss Francesco Schiavone e Cosentino si incontrarono, in presenza anche di un’altra persona. Schiavone jr spiega anche che il clan dei Casalesi non aveva mai avuto simpatia per la Sinistra e a Cosentino, ad un certo punto del suo percorso politico, fu detto chiaramente che non avrebbe potuto avere l’appoggio del clan qualora avesse deciso di militare nelle fila di un partito di sinistra. All’epoca stava nascendo Forza Italia – ricorda Nicola Schiavone – e Cosentino abbandono’ i propositi di militare nella Sinistra e aderi’ al nascente movimento politico di Destra”. Il figlio di Sandokan parla inoltre delle elezioni provinciali del 2005, vinte contro Cosentino da Sandro De Franciscis, esponente dell’Udeur, partito fondato da Clemente Mastella in cui allora militava Nicola Ferraro, imprenditore dei rifiuti condannato per concorso esterno in camorra. In quel caso il clan Schiavone fece un’eccezione per non scontentare ne’ Cosentino ne’ Ferraro, votando per entrambi i candidati; stessa condotta fu realizzata dal clan di Michele Zagaria, mentre il clan Russo resto’ “fedele” a Cosentino.



Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Oltre 50mila certificati medici falsi per le patenti tra Napoli e Caserta: 24 misure cautelari

Pubblicato

il

Oltre 50mila certificati medici falsi per le patenti tra Napoli e Caserta: 24 misure cautelari.

Oltre 50mila false certificazioni mediche emesse in un solo anno per far conseguire la patente a chi non ne aveva i requisiti, come persone anziane, ultranovantenni, e persino soggetti allettati perche’ affetti da gravi patologie. E’ quanto emerso dall’indagine della Procura di Napoli Nord, che ha portato all’esecuzione, da parte della Polizia Stradale di Napoli (Distaccamento di Nola) di 24 misure cautelari – 20 arresti domiciliari, tre obblighi di dimora e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria – a carico di un medico, dei suoi familiari, di titolari e collaboratori di autoscuole e di agenzie di pratiche auto.

I destinatari della misure, cosi’ come gli altri 16 indagati (40 in tutto le persone finite nel registro della Procura), sono residenti tra le province di Caserta e Napoli e rispondono a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al falso in atto pubblico; il giro d’affari stimati sarebbe di oltre 1,5 milioni di euro.

LEGGI ANCHE  Camorra, killer dei Casalesi irreperibile dopo la condanna definitiva

Figure chiavi dell’inchiesta della Polizia Stradale di Napoli e della Procura di Napoli Nord sono risultati il medico e i suoi familiari, attivissimi – secondo la Procura – nel fornire dietro pagamento certificati medici a chiunque ne facesse richiesta per poter conseguire la patente o il rinnovo, chiaramente senza che alcuna visita fosse effettuata.

Le certificazioni venivano rilasciate anche quando il medico era in ospedale: erano i figli, ha accertato la Procura e la Polstrada, a utilizzare le credenziali informatiche del padre e a trasmettere telematicamente i risultati delle visite mediche mai sostenute alla Motorizzazione Generale di Roma. Le autoscuole coinvolte nell’inchiesta organizzavano anche corsi di formazione per conducenti professionali e lezioni teoriche e pratiche di guide facendoli tenere da soggetti non qualificati.

Continua a leggere

Le Notizie più lette