Massimiliano Lauritano, Francesco Petrone e Luca Buonaiuto sono i Profugy, giovane trio napoletano alla seconda pubblicazione discografica. “Stato confusionale”, per l’etichetta Uroboro Music, è un album di undici tracce scritte e arrangiate da Max Lauritano che oscillano tra il folk e il pop-rock evoluto. Sarà pubblicato digitalmente il 23 novembre (Spotify, iTunes, Google Play…) mentre in CD il 14 dicembre.
“Stato confusionale” è stato missato Michele Voltini per Blue Beat Studio e masterizzato da Giovanni Roma (Rocco Hunt, ‘Ntò, sonakine, Ash Code, Franky b and the Cryptic Monkey). Il disco ha come tema principale la vita, a cominciare proprio dal momento in cui ne prendiamo parte. Un intenso percorso lungo undici brani che, altalenando tra emozioni e percezioni contrastanti, attraversa tutte quelle che potrebbero essere le fasi della vita di un individuo, facendo emergere in particolare lo “stato d’animo” che di volta in volta prevale. Gioia, rabbia, gratitudine… Confusione. Emozioni che in un modo o nell’altro influiscono su ciò che siamo, e modellano piano piano il nostro modo di essere.
Oltre a Lauritano (voce, chitarra ritmica), Petrone (chitarra, lap steel) e Buonaiuto (basso acustico), hanno contribuito alle registrazioni Francesco Pandico (batteria e percussioni) e
Andrea Esposito (violino). Prossimamente un po’ di date in giro per la Campania, come il 24 novembre al Black house blues di Avellino, il 7 dicembre al Bar Fortuna di Eboli, il 14 dicembre è la volta di Cava de’ Tirreni, Rodaviva e ancora 18 gennaio all’MMB di Napoli,, 2 febbraio a Tarumbò di Scafati.

Regina Ada Scarico
Contenuti Sponsorizzati