Torre Annunziata. Torna a riecheggiare il fragore delle bombe della camorra a Torre Annunziata. E questa volta  ha colpito nel cuore del mercato del pesce di Torre Annunziata. Alla Nunziata a pochi passi dalla basilica della Madonna delle Neve. Ad essere stata presa di mira questa volta è stata la pescheria del figlio incensurato di Salvatore Ferraro, detto o’ capitano, ritenuto uno dei personaggi di punta del pizzo per il clan Gionta. Intorno alla mezzanotte, una potente esplosione ha causato danni alla saracinesca e all’ingresso della pescheria di via Dogana.  Il boato è stato forte ed ha svegliato molti residenti in zona. Sul posto i carabinieri della compagnia di che hanno ascoltato il giovane titolare della pescheria il quale ha spiegato di non aver avuto mai minacce ne richieste estorsive e di non sapersi spiegare i motivi dell’attentato. Gli investigatori sono convinti che il messaggio sia rivolto soprattutto al padre Salvatore, uno dei più grossi importatori di pesce della zona e il cui nome compare in molte inchieste sul clan Gionta.

#EFEFEF; padding-top: 5px;">
LEGGI ANCHE  Rosanna Casale e Mariella Nava al 'Cilento Music Festival'

Torre Annunziata, bomba del racket alla pescheria del figlio di o’ capitano
di Redazione Cronache per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Traffico di droga nell’Agronocerino: 13 arresti

Notizia precedente

Da Napoli in trasferta a Torre del greco per la truffa dello specchietto: denunciati in due

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..