Sequestrati 200mila euro ai familiari del boss: erano nascosti nel materasso

SULLO STESSO ARGOMENTO

Circa 200mila euro in contanti nascosti in un materasso sono stati trovati e sequestrati dai Carabinieri in un’abitazione del quartiere Japigia di Bari. Il denaro, ritenuto provente di attività illecita, era nel disponibilità di due incensurati, un 34enne e sua zia 55enne, rispettivamente genero e cognata di un esponente della criminalità organizzata del rione. La perquisizione domiciliare è avvenuta dopo che i Carabinieri hanno notato il 34enne sfrecciare a bordo del suo motociclo fin sotto casa della zia e poi precipitarsi nell’appartamento. Li’ i militari hanno perquisito prima l’uomo, trovando nel suo zainetto la somma di quasi 3 mila euro in contanti. Poi, durante i controlli compiuti in casa, sono stati rinvenuti gli altri 200mila euro nascosti in un materasso nella camera da letto suddivisi in mazzette imballate da 10mila euro ciascuna. I due, denunciati per riciclaggio, non hanno saputo fornire giustificazione per il denaro. Le indagini proseguono per accertarne la provenienza e identificare eventuali altre persone coinvolte.






LEGGI ANCHE

Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

‘Babas, memorie di un cane rosso’, Stella Cervasio presenta il suo ultimo libro al Vomero

Una donna e un incrocio di molosso sono i protagonisti di una storia speciale di amicizia, basata su rispetto e protezione. Il libro "Babas, Memorie...

Torre del Greco, faceva prostituire la compagna e mamma di suo figlio: arrestato

L'uomo, di 29 anni, a volte costringeva la compagna di soli 21 anni a guardare mentre faceva sesso con altre donne

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE