“Abbiamo scelto imprenditori modesti che negli anni Duemila non erano in vista. Poi sono diventati ricchi grazie a noi”: a parlare e’ Nicola Schiavone, boss del clan dei Casalesi, figlio del capo dei capi Francesco detto ‘Sandokan’, che da due mesi e’ pentito. Il 16 settembre ha iniziato a raccontare ai pm della Dda di Napoli, Francesco Vanorio e Graziella Arlomede, coordinati da Luigi Frunzio, il sistema che la cosca usava per condizionare la vita pubblica pubblica di citta’ del Casertano. “Chi era con noi aveva un boom di appalti. Come i fratelli Bretto e in particolare Antonio che aveva aderito al nostro pool di imprese ai quali distribuivamo lavori ma che versavano quote a Rodolfo Corvino e Lello Letizia”, dice Schiavone. Bretto e’ coinvolto come altri imprenditori in una inchiesta della Dda su un giro di appalti pilotati. Ma Antonio Bretto difeso dai penalisti Saverio Campana e Angelo Raucci, è pronto a dimostrare la correttezza della propria condotta rispetto alle accuse che lo vedono a giudizio, oltre a rimarcare la propria estraneità rispetto ad accordi di natura mafiosa. parla anche di G. M., altro imprenditore casertano sotto inchiesta e  lo definisce “uomo del colluso con i Casalesi”. Dichiarazioni, quelle di Schiavone, che entrano nell’inchiesta soprannominata ‘The queen’ per il cognome del maggiore indagato, Guglielmo La Regina, accusato di aver pilotato decine di appalti pubblici negli anni scorsi tra Napoli e Caserta.

#EFEFEF; padding-top: 5px;">
LEGGI ANCHE  Castellammare, muore per covid la mamma dell'attore Simone Schettino

Camorra, Nicola Schiavone: ‘Abbiamo scelto imprenditori modesti che negli anni sono diventati ricchi grazie a noi’
di Redazione per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Cassazione conferma le condanne: in carcere l’ex consigliere comunale stabiese, Massimo De Iulio e i Ridosso

Notizia precedente

Mondragone, in carcere i gestori del traffico di sigarette di contrabbando

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..