asteroidi in rotta verso la terra



Esiste una vera e propria ‘tabella di marcia’ con cui gli si mettono in marcia per arrivare a colpire la Terra: la frequenza di impatto varia da pochi anni fino a secoli, a seconda delle loro dimensioni. A spiegarlo e’ Camilla Colombo, docente di meccanica del volo spaziale al Politecnico di Milano, protagonista della nuova puntata della rubrica video #IlPOLIMIrisponde. Grazie a questa iniziativa, chiunque puo’ inviare la sua domanda al Politecnico tramite i social network per risolvere i propri dubbi su qualsiasi materia: dallo spazio all’architettura, dall’economia alla fisica, dalle nanotecnologie ai beni culturali. L’interrogativo viene poi girato a uno degli oltre 1.300 docenti e ricercatori dell’ateneo, che rispondera’ con un breve video su YouTube e il canale Igtv di Instagram. In questo caso Camilla Colombo spiega che esiste il rischio concreto che un asteroide colpisca la Terra. “Ci sono tantissimi e comete che orbitano intorno al Sole e, di questi, circa 18.000 sono Near Earth Objects (Neo), ovvero oggetti la cui orbita puo’ raggiungere una distanza dall’orbita terrestre inferiore a 0,3 volte la distanza Terra-Sole. Tra questi, pero’, solo poche centinaia sono considerati potenzialmente pericolosi”. La frequenza con cui impattano sulla Terra dipende dalle loro dimensioni: “gli oggetti grandi pochi metri – ricorda l’esperta – possono colpirci a intervalli di pochi anni, come nel caso della meteorite di Celyabinsk. Altri piu’ grandi, con dimensioni di 50-100 metri, colpiscono all’incirca ogni cento anni, come nel caso di Tunguska agli inizi del Novecento o del grande asteroide che si pensa abbia impattato la Terra 60 milioni di anni fa, causando l’estinzione dei dinosauri”.

LEGGI ANCHE  Serie C, la Juve Stabia trova la sua prima vittoria stagionale: battuta 3-1 la Vibonese
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Dettagli e informazioni utili sulla fatturazione elettronica

Notizia precedente

Le forme del narrare, laboratorio di scrittura a cura di Nando Vitali

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..